Boati in Cilento,caccia oltre muro suono

Share

Paura nel pomeriggio tra il Cilento e il Vallo di Diano, in provincia di Salerno.

"Possibile che altri due piloti, che dovrebbero essere esperti, non si rendano conto che stanno rompendo il muro del suono e lo stanno facendo a ridosso di centri urbani con tutte le inevitabili conseguenze?". Non si è trattato di un incidente, come ipotizzato da chi ha udito i boati, ma di due aerei dell'Aeronautica Militare che hanno infranto il muro del suono. Scambiati per esplosioni, iboati in realtà sono stati causati dal volo supersonico di duecaccia dell'Aeronautica militare impegnati nell'intercettazionee identificazione di un velivolo che aveva perso il contattoradio con gli enti del controllo dello spazio aereo. L'attività è stata confermata dalla stessa Forza armata, precisando che i due Eurofighter del 36/o Stormo di Gioia del Colle (Bari) hanno intercettato il velivolo in prossimità di Trapani, lo hanno identificato e poi scortato fuori dai confini nazionali.

L'intercettazione è avvenuta in prossimità di Trapani.

Per ridurre i tempi di intervento i due Eurofighter sono stati autorizzati al volo supersonico.

JUVE STABIA: confronto statistico squadre con numeri e grafici
Al 9' a provarci è stato Barisic con un diagonale stretto da posizione defilata che è uscito non molto distante dal palo lontano. Manneh da sinistra crossa per Curiale che con testa non centra di poco la porta di Branduani .

I due caccia, due F15, hanno quindi superato la velocità del suono, intorno ai 1.200 chilometri orari in normali condizioni.

I due Eurofighter hanno ricevuto l'ordine di intercettare il velivolo - detto in gergo tecnico scramble - mentre si trovavano già in volo per addestramento pianificato.

L'ordine è pervenuto dal Combined Air Operation Center di Torrejon, ente Nato responsabile per la sorveglianza dei cieli nell'area, e l'intervento dei velivoli è stato controllato dalla sala operativa del 22° Gruppo Radar dell'Aeronautica Militare di Licola.

Share