Juve, Buffon: 'Avrei firmato per giocare l'ultima in Champions a Madrid'

Share

Giocare in campionato dopo la Champions è difficile, abbiamo giocato per la prima volta con 25°.

Dunque nella testa di Allegri starebbe frullando l'ipotesi di presentarsi a Madrid con un iper-offensivo 4-2-31: al momento però, l'opzione più probabile sembra quella di continuare a puntare sul 4-3-3, con Matuidi e Khedira a proteggere il rientrare Pjanic.

Quante percentuali dai per il passaggio del turno? "Poi vedremo. Per noi è importante venire fuori domani con delle certezze che cancellino il 3-0 dell'andata". E' chiaro che se tu entri al primo minuto e pensi che per un dono divino passerai il turno, sei un folle e puoi stare negli spogliatoi.

La gara d'andata è stata decisa anche dall'espulsione di Dybala: "Fino a quando siamo stati in undici abbiamo fatto una bella gara". Chi gioca in attacco? Higuain di sicuro, poi due tra Mndzukic, Cuadrado e Douglas Costa.

Domani sarà la tua ultima partita in Champions? La mia ultima in Champions? Gigi Buffon che è sempre stato, e lo è tutt'ora, rispettoso dei valori simbolici, capisce l'importanza di salutare il Santiago Bernabeu, che è lo stadio per eccellenza di questa competizione, l'unica che ancora gli resiste, la Champions. Per quel che riguarda me c'è anche questa possibilità ma non è una possibilità che mi deprime o suscita pensieri negativi. "Se dovesse essere così, da bimbo avrei firmato per finire un'ipotesi a carriera da calciatore al Bernabeu contro il Real Madrid". I 5 migliori portieri al mondo? "C'è poco da dire, il gap è davvero grande". Ma realmente negli episodi non ci è andata nulla bene, nè all'andata nè a Cardiff. "Ma quando a te va tutto male e agli altri tutto bene, alla base c'è una differenza che poi ha pesato sul punteggio finale".

Tragedia all'università, giovane studentessa si suicida lanciandosi dal tetto
In sede è giunto il rettore dell'università "Federico II" di Napoli , Gaetano Manfredi . Immediati i soccorsi chiamati dai presenti, ma per la ragazza il volo è stato fatale.

"Nella vita bisogna tentare l'impossibile, così magari rischi di conseguire qualcosa di possibile". Quello è il sogno ma ci sono degli step per arrivare al sogno. Durante la gara non si sa cosa succede, domani dobbiamo fare una partita giusta, tosta, anche per il finale di stagione. "Se invece ci metti l'orgoglio, magari la gara si snoda in un modo che non avevi previsto".

ZIDANE - "All'andata non ci siamo detti nulla".

"Sta dimostrando di essere affidabilissimo, spesso e volentieri ha salvato il Madrid con interventi portentosi e ha anche una grossa solidità psicologica".

Poi un piccolo retroscena svelato dal capitano bianconero: "Ho detto ai miei compagni che se andiamo fuori continuo". È sempre un piacere avere a che fare con persone di quel calibro, da incontri così esci arricchito.

Share