Russell Crowe e il divorzio: finanzia le spese con…i suoi cimeli all'asta

Share

Crowe ha organizzato con Sotheby's Australia un'asta di oggetti personali e cimeli del cinema per finanziare le spese del divorzio dall'attrice Danielle Spencer.

Come ha dichiarato l'attore sui suoi profili social, l'asta - che si è svolta lo scorso 7 aprile 2018 (giorno del suo 54esimo compleanno) presso la sede Sotheby's della capitale australiana - è nata con lo scopo di raccogliere soldi per pagare la "costosa" separazione dalla Spencer.

L'arte del divorzio. Nel caso qualcuno fosse interessato. L'incasso finale è stato di 3,7 milioni di sterline (2,8 milioni di dollari).

Lo stesso attore ha ironizzato sull'accaduto dicendo: "Non male come tariffa oraria per un turno da cinque ore". Il sospensorio in pelle marrone del pugile di Cinderella Man è arrivato a racimolare ben 7mila dollari contro i previsti 500/600 dalla casa d'aste. Gli oggetti di questo film sono stati contesi a suon di rilanci da ogni parte del mondo: una delle bighe usate nei duelli è stata aggiudicata per 65 mila dollari, una spada di legno per 20 mila e una di metallo per 70 mila.

MALTEMPO ITALIA: nuova perturbazione in transito con rovesci e temporali anche intensi
Sono attese piogge piuttosto diffuse su gran parte del territorio, con possibili temporali sulle provincia di Grosseto Siena e Arezzo.

L'evento è stato particolarmente fruttuoso e ovviamente tra i prodotti più richiesti vi sono stati i cimeli cinematografici, specialmente quelli legati al film kolossal Il Gladiatore, ma anche quelli relativi ad altre pellicole a cui ha partecipato l'attore.

Il violino che suonava nella cabina della nave Surprise in Master and Commander è stato aggiudicato per 135 mila dollari, una quotazione adeguata visto che si tratta di uno strumento pregiato realizzato da Leandro Bisiach nel 1890 a Milano.

L'attore ha venduto anche numerosi quadri di arte australiana che possedeva, un rettile marino preistorico (un Moasauro che aveva preso da Leonardo DiCaprio) e ha messo all'asta decine di orologi, quasi tutti aggiudicati: persino per un Armani rotto sono stati pagati 1.100 dollari, mentre un Rolex funzionante ha toccato i 40 mila.

Share