L'indiscrezione: Cagliari, fiducia a Lopez dopo il vertice del Bentegodi

Share

Il Verona, in crisi profonda, è avversario che non va sottovalutato, perché nel calcio, si sa, la disperazione a volte moltiplica le forze e complica la vita agli avversari ed oggi, probabilmente, la squadra scaligera si gioca le ultime chances di permanenza in serie A. Penalty che Romulo trasforma nonostante Cragno per poco non lo pari. Ma la Var vede l'offside di Cerci e annulla.

Gli ospiti allora hanno provato ad alzare il baricentro, esponendosi anche al contropiede scaligero, trovando al 46' un bel colpo di testa di Pavoletti ad incrociare, che ha esaltato i riflessi di Nicolas, il quale è riuscito a respingerlo con un colpo di reni.

I genitori fanno il selfie e il passeggino finisce in mare
Mamma e papà si sono distratti nella preparazione dell'autoscatto e intanto il passeggino con il piccolo è finito in mare. Protagonisti negativi sono due giovani genitori che, a causa di una grave imperizia, stavano per causare una tragedia.

Rispetto al match in terra campana forse non è un'altra squadra quella che supera i sardi, solo che la formazione di Pecchia ci mette quell'applicazione, quella concentrazione, quella minima voglia di fare risultato che a Benevento era stata del tutto assente. A quel punto la girandola dei cambi ha portato Lopez a rischiare il tutto per tutto, con Cossu al posto di Padoin, mentre Pecchia ha inizialmente arretrato troppo la squadra inserendo Caracciolo per Aarons, salvo poi rimediare con Tupta per Zuculini, autore poco prima di due conclusioni finite sopra la traversa. Cragno para in due tempi una staffilata di Fares, Zuculini tira alto sempre dalla distanza. Vuole una squadra determinata e forte mentalmente Lopez che non ci sta a sentir dire che il suo Cagliari "e' una squadra fragile, non e' cosi'. Non dimentichiamo che abbiamo 5 punti di vantaggio: sono le altre a dover inseguire". Stavolta però il tempo delle seconde (o terze o quarte) occasioni è veramente finito.

Share