MotoGP Argentina: azzardo Miller, pole show; Marquez 6°, Dovi 7°, Rossi 11°

Share

La Yamaha del francese si è rivela comunque la migliore in qualifica, mentre da dimenticare il turno di Maverick Vinales (+1.891) e Valentino Rossi (+2.173), rispettivamente nono e undicesimo separati da Cal Crutchlow.

La prima sessione di qualifiche vede protagoniste le due Ducati ufficiali: a suon di giri veloci Dovizioso e Lorenzo monopolizzano le prime due posizioni. Sembra di Dani Pedrosa la prima casella in griglia, ma Jack Miller (uno dei primi ad optare per gli pneumatici da asciutto) completa poco dopo il suo ultimo giro e si assicura per la prima volta in MotoGP la pole position. Il più osservato è stato Marc Marquez, vero re del weekend sud americano ma nel primo giro lanciato è stato Johann Zarco a salire in prima posizione, seguito da un incisivo Aleix Espargarò.

Serve il secondo tentativo di tutti i rider per assistere ad altri miglioramenti, con Andrea Dovizioso che è il primo a migliorare ed abbatte il muro dell'1.50, siglando il miglior tempo in 1'49 " 418. A metà turno molti piloti sono rientrati ai box per riaprire i giochi a 5 minuti dal termine del turno, ingolositi dalla pista che si è andata ad asciugare molto rapidamente. La prima parte di Q2 si conclude così, con la zampata dello spagnolo della casa di Noale mentre soffrono gli italiani, con Dovizioso, Rossi e Iannone nelle retrovie, ai margini della Top10.

Crolla tetto dopo incendio, morto un pompiere
Le cause del rogo sono ancora da accertare, al momento non è possibile escludere alcuna pista. Poco dopo, però, il dramma. "Un altro angelo del fuoco è volato in cielo".

Le soft rain sono montate sulla Yamaha. E' Pole Position, la prima per lui e la prima dell'Australia da Phillip Island 2012, ultima pole aussie, firmata ovviamente Casey Stoner. 4° tempo per un'altra sorpresa, Tito Rabat, a dimostrazione che le GP17 sul bagnato argentino, ballano, come la Suzuki di Alex Rins, quinta.

ALLA FINE, l'ottimo Espargarò, su Aprilia, conclude settimo davanti ad Andrea Dovizioso che non riesce ad andare oltre l'ottavo crono.

Share