Inzaghi: "Udinese squadra insidiosa, sono preoccupato. Parolo non ci sarà, ecco perché…"

Share

L'unico rammarico sono i due gol presi: il primo è stato un rigore inventato, l'altro un rimpallo. Per quanto visto in campo dovevamo ottenere un vantaggio più ampio. "Adesso abbiamo una partita difficile ed impegnativa ad Udine, piena di insidie". A confermare l'assenza del centrocampista dalla lista dei convocati è stato Simone Inzaghi, tecnico dei biancocelesti, che però rassicura sulle condizioni del giocatore. Su Parolo, Inzaghi ci tiene a far chiarezza: "Ha un problemino pubico, aveva un dolore che sentiva quando calciava e scattava".

"Ho sensazioni positive. Abbiamo fatto un'ottima partita meno di quarantotto ore fa". Tutti mi hanno dato disponibilità. "Mi prendo queste ventiquattro ore per decidere la formazione al meglio". "Felipe Anderson? Sarà titolare, c'è la possibilità che Luis Alberto e Milinkovic-Savic facciano le mezzali". Lulic e Radu vogliono sempre esserci, se hanno qualche acciacco ci passano sopra. "Sono da considerare recuperati, anche loro come gli altri deciderò domani se schierarli dall'inizio".

"E' arrivato in una realtà nuova, si è messo a disposizione sia dello staff che dei compagni". E' un ottimo acquisto, ci sta aiutando tantissimo. "E' l'ideale per il nostro modo di giocare". Metto tutto me stesso in quello chefaccio, cerco di migliorare me e la mia squadra, ma in questomomento non bisogna puntare il dito contro nessuno, non bisognatrovare un capo espiatorio. Una squadra che perde da 7 gare che però è un'ottima squadra, con un bravissimo tecnico. Ecco le sue dichiarazioni: "Il Salisburgo non perdeva da tanti anni in Europa, è una squadra intensa, noi abbiamo giocato su buoni ritmi e riuscendo a colpirli al momento opportuno". Caicedo? Ne ho parlato sempre bene. Ha avuto la sfortuna di trovare un Immobile strepitoso davanti, ma è un bravo ragazzo stimato da tutti.

Sassuolo, fermi per accertamenti sia Berardi che Goldaniga
Biglia si riprende la maglia a centrocampo, dove potrebbe riposare Bonaventura , con Montolivo al suo posto da mezzala sinistra. I due infatti non sono al meglio e rischiano fortemente di non giocare la partita di San Siro.

MILINKOVIC - "Milinkovic era 20 giorni che era fermo, la sua fisicità è importante per noi e più gioca e più cresce".

TRASFERTA - "Dovremo essere umili e affamati". Ringrazio i tifosi, sono stati l'uomo in più che ci ha permesso di tenere un ritmo 'indiavolato' per tutti i 95′.

Share