La sicurezza di Balotelli: "Da bianco avrei avuto meno problemi"

Share

"In alcuni stadi mi è stato urlato che non esistono neri italiani, io sono la conferma del contrario". Non se ne fece niente, anzi Balotelli è diventato un "nemico" della tifoseria romanista dopo il calcione che gli rifilò Francesco Totti durante la finale di Coppa Italia, nel 2010.

Balotelli si scaglia dunque contro la vecchiezza delle leggi italiane: "Quella è una legge sbagliata, forse è per quello che ancora oggi qualcuno vede il nero come il colore del diverso, dell'inferiore, dell'errore in mezzo alla fotografia della squadra". Di certo, fossi stato bianco, avrei avuto meno problemi. Oggetti della discussione sono stati il rinnovo del contratto del giovane esterno classe '99 Luca Pellegrini, per il quale è probabile un accordo quinquennale da 800.000 euro, ma soprattutto l'interesse da parte della Roma per uno dei giocatori assistiti da Raiola: Mario Balotelli. Anzi, il portiere, il migliore del mondo. fuori dal Mondiale: "Perché la Nazionale non aveva la forza di regalare un sogno a chi la tifava". Probabilmente sì. Avrei avuto comunque atteggiamenti sbagliati sul campo di gioco? "Il cambiamento è nelle mani delle nuove generazioni, ai nostri figli bisogna insegnare che siamo tutti uguali, nonostante le diversità apparenti". Da quest'esperienza ripartiremo, più convinti di prima. Senatore della Lega? Quel signore è stato strumentalizzato senza rendersene conto. Il 2006 è una vittoria che era rappresentazione di un sogno di sessanta milioni di individualità. Perché così la Lega può dire che esistono neri italiani che la pensano come loro.

Sospetta meningite a Napoli, 16enne muore in ospedale. Ricoverata anche la sorella
Su entrambi i ragazzi l'equipe ospedalieri ha effettuato esami infettivologici, ma ancora non si conoscono gli esiti. Sembra una vicenda che ha dell'incredibile: due fratelli , nel giro di poche ore, sono finiti in ospedale .

CHIELLINI - "Est modus in rebus - c'è un equilibrio nelle cose". Punto. Quello ancora più giusto: esistono italiani. Educare significa letteralmente, condurre fuori. "E per me l'educazione è il tentativo di tirare fuori il meglio di sé o degli altri".

Share