Canone tv, online modello per esenzione over 75 a basso reddito

Share

Un provvedimento del direttore dell'agenzia fiscale ha approvato infatti la modulistica da utilizzare e le indicazioni operative da seguire per ottenere l'agevolazione.

La richiesta di esenzione può essere presentata dai cittadini che hanno compiuto 75 anni e che, nell'anno precedente a quello per cui si chiede l'esenzione, hanno un reddito familiare (proprio e del coniuge/soggetto unito civilmente) complessivamente non superiore a 6.713,98 euro. E non solo: chi avesse diritto all'esenzione e l'avesse già pagato avrà la possibilità di richiedere un rimborso compilando un diverso modello. Se si rientra nei parametri si può compilare la dichiarazione sostitutiva di esenzione attraverso il modulo presente sui siti www.agenziaentrate.gov.it e www.canone.rai.it. Dopodiché si può presentare l'istanza, insieme alla copia di un valido documento di riconoscimento, presso qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle entrate, oppure tramite raccomandata senza busta al seguente indirizzo: Agenzia delle entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. - Sportello abbonamenti TV - Casella Postale 22 - 10121 Torino.

La legge di bilancio del 2018, in vigore dallo scorso 1 gennaio, ha introdotto una modifica ai requisiti che permettono ad alcune categorie di persone di chiedere l'esenzione dal pagamento del canone Rai.

Bomba di calore, finalmente Pasquetta sotto il sole
Al visitatore saranno infatti fornite cuffie wireless che permetteranno di compiere un tour ad alto grado di coinvolgimento.

L'agenzia di stampa Agenpress riporta un comunicato del presidente dell'Unione Italiana Consumatori Massimiliano Dona, che si ritiene molto soddisfatto della velocità con la quale è stato messo on-line il modello per chiedere il rimborso delle rate pagate da chi aveva diritto all'esenzione. Prima della nuova legge di bilancio, il limite di reddito era più basso (6.713,98 euro annui).

L'associazione di consumatori ricorda che la Legge di stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208), all'art.

Il decreto, invece, lo prevede solo "per l'anno 2018", nonostante ci siano state maggiori entrate più che sufficienti per estendere l'esenzione anche agli anni 2016 e 2017.

Share