Berlusconi: "Tocca a noi con Salvini"

Share

Al via la settimana della consultazioni.

Per il capogruppo dem al Senato, "la proposta del leader 5 stelle è ovviamente irricevibile". L'obiettivo era e resta quello di "smussare gli angoli", e il primo giro di consultazioni non lo hanno centrato. Tanto più che è lo stesso Di Maio a dire che questa non è un'alleanza e probabilmente, conclusa l'esperienza del governo, tutto tornerebbe come prima tra M5S e Lega ma probabilmente non tra Forza Italia e il Carroccio. È pronto ad alleanze, ma partendo dal centrodestra e da Salvini premier. Se così non sarà, meglio tornare alle urne. Di Maio, leader del Movimento 5 stelle, è stato chiaro: no a Berlusconi al Governo, piuttosto accordo con PD e Salvini.

"Faremo ciò che abbiamo detto in campagna elettorale: proporremo un contratto di governo come si fa in Germania, si fa ciò che c'è scritto, quello che non c'è scritto non si fa".

"Al governo deve andarci chi è legittimato dal popolo, sono stati delegittimati i governi tecnici e di scopo". "Se poi il Pd vuole assecondare l'ambizione di Di Maio di fare il premier, si accomodi pure.", ha aggiunto.

Direttore Marco Travaglio, il governo si farà? . Io non riconosco la coalizione perché si è presentata alle elezioni con tre candidati presidenti diversi e spesso con tre programmi diversi.

Spyro Reignited Trilogy, ecco i primi screenshot!
Inoltre, poco dopo sono state svelate anche numerose immagini e screenshot riguardanti il gioco. Dopo l'apparizione nei listini di Amazon Messico , Spyro torna a far parlare di sé.

Non è il bis del contratto con gli italiani di Silvio Berlusconi firmato in diretta tv nel salotto di Porta a Porta nel lontano 2001. Ma nessun patto con Di Maio. Ma in tutti e due i casi non è da escludere il soccorso di altri gruppi come Leu (14) o dei deputati "non iscritti" (7), che poi sono gli ex grillini finiti nella vicenda rimborsi.

"Lavoriamo per un governo che lavori almeno 5 anni". Il presidente di Forza Italia rilancia il ruolo centrale del centrodestra: "Ci sono urgenze che richiedono un governo fondato su un programma coerente e in grado di lavorare". O per trattare con Salvini da una posizione di maggior forza. La lega invece governerebbe senza esitazioni con il movimento di grillo.

Tutt'altra musica, come si diceva, suona all'esterno dello studio del Presidente della Repubblica circa un'ora dopo, quando a parlare è Salvini.

Delegazione Lega a piedi. Lunedì e martedì saranno giorni di colloqui tra i partiti e solo dopo ci sarà un nuovo giro di consultazioni. Penso che il tema non sia andare oltre il PD, ma rilanciarne con forza la missione.

Share