Arrestato il boss latitante Giuseppe Pelle, blitz a Condofuri

Share

Stanato noto boss della 'ndrangheta. Il blitz della polizia a Condofuri (Reggio Calabria) nella notte. Lo ha affermato il ministro dell'Interno, Marco Minniti, che si è congratulato con il capo della Polizia, Franco Gabrielli, per l'arresto del latitante Giuseppe Pelle, "considerato elemento di spicco della 'ndrangheta e ai vertici delle cosche di San Luca". All'interno dell'abitazione erano presenti altri soggetti, le cui posizioni sono al vaglio degli inquirenti. Pelle non ha opposto resistenza. Pelle, continua l'Ansa, sarebbe legato anche alla famiglia Barbaro di Platì guidata da Francesco Barbaro (ora all'ergastolo), detto u castanu, per averne sposato la figlia Marianna. Nel 2017, mentre era già latitante, nei confronti di Giuseppe Pelle è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nell'ambito dell'inchiesta denominata 'Mandamento Ionico', coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, per tentata estorsione e illecita concorrenza, aggravate dal metodo mafioso. Il criminale aveva tentato di accaparrarsi i proventi derivanti dall'esecuzione di lavori pubblici in alcuni comuni della Locride tra i quali Siderno, Palizzi, Condofuri e Natile di Careri.

Un "arresto particolarmente importante", ha commentato il procuratore facente funzioni di Reggio Calabria Gaetano Paci. L'azione dello Stato, poi, si articola su tutti i fronti, da quello economico alle infiltrazioni negli apparati.

Gp Bahrain, Raikkonen: "Contenti ma c'è sempre da migliorare"
Anche Bottas , infine, era presente in conferenza stampa: "E' stato un weekend negativo in Australia". In passato il circuito è sempre stato amico del finlandese, "mi sono sempre trovato bene".

Pelle è stato rintracciato e catturato dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dallo Sco, il Servizio Centrale Operativo della Polizia, nel suo rifugio: un'abitazione in una delle contrade più impervie dell'entroterra di Condofuri, praticamente irraggiungibile perché senza strade percorribili, ed isolata dal greto accidentato di una fiumara aspromontana, che ne rende difficoltoso l'accesso.

Share