MotoGP, Dovizioso supera Lorenzo tra i piloti longevi più vincenti

Share

E se per il pilota francese del team Tech3 appare plausibile continuare la propria strada con la casa di Iwata, che dovrebbe fornirgli una moto ufficiale gestita da un nuovo team satellite, per quanto riguarda Lorenzo saranno invece le prossime settimane a delineare il suo futuro: il tre volte campione del mondo delle MotoGP resterà in Ducati solo se i suoi risultati saranno soddisfacenti; altrimenti per lui si aprirebbero nuovi scenari.

Ancora galvanizzato dal risultato del Qatar, Andrea Dovizioso vuole fare bene anche questo weekend: "Questa pista è molto particolare perché le condizioni cambiano sensibilmente dal venerdì, quando il tracciato di solito è molto sporco, alla domenica, quando l'asfalto migliora sensibilmente". Il Cavallino sa di dover lavorare, ma nel deserto presenterà degli aggiornamenti aerodinamici per ridurre ancora le distanze e potrà correre con la mente libera: quella che spesso fa prendere le decisioni giuste e invertire il corso di eventi. Verso l'Argentina Circa il prossimo week-end in Argentina, "il circuito (a Termas de Rio Hondo, ndr) è in un posto che neanche gli argentini sanno dove è, disperso nel nulla e ci mettiamo due giorni da quando partiamo dall'Italia per arrivare in pista". "È stato certamente un buon inizio - ha premesso Dovizioso nella conferenza stampa di apertura - anche in passato abbiamo lottato per la vittoria in Qatar ma il modo in cui ho confermato la mia competitività è stato molto positivo".

Accordo tra Amazon Prime e Rai
Altre serie Rai sono invece già disponibili su Amazon Prime Video Italia: L'Ispettore Coliandro , Braccialetti Rossi , Il Paradiso delle Signore e Grand Hotel .

Il numero 1 della Rossa ha spiegato a che punto è il rinnovo di contratto: "Andrea è diventato un pilota molto importante per la Ducati, lui stesso si chiama DesmoDovi". Sulla carta qui siamo competitivi, sono sempre stato veloce, la moto ha sempre funzionato molto bene. Ho dovuto recuperare dopo la partenza. gestire le gomme e vincere la battaglia con Marquez nel primo GP. Dobbiamo vedere il grip, la pista, le gomme diverse, ci sono tanti interrogativi sulle condizioni atmosferiche. Sono state due belle settimane, mi sono allenato bene, mi sono anche rilassato, ora mi concentro sul resto della stagione. Abbiamo fatto un ottimo lavoro con team, il secondo posto mi ha reso felice. Ma la nostra moto quest'anno è migliore e credo possiamo essere più competitivi. L'anno scorso ho sbagliato attaccando troppo nei primi giri, ho imparato.

Il pilota della Ducati, dopo la vittoria nel GP del Qatar, parla a Radio 105: "I complimenti di Valentino fanno piacere. L'importante è capire come trovare la concentrazione prima della gara, ognuno ha i suoi trucchi, magari altri piloti apprezzano l'ausilio di qualcuno, ma dipende da pilota a pilota".

Share