Di Francesco: "Roma, continuiamo il sogno a Barcellona"

Share

"Siamo qui con grandissima umiltà nell'affrontare una squadra che è abituata a questo genere di partite - aggiunge il tecnico in conferenza stampa -". Il nostro desiderio è fare qualcosa di straordinario ed è giusto pensarlo. Ma quello che ho notato in tutte le gare è che il Barcellona lotta su ogni pallone, non è mai morto, accetta l'uno contro uno a tutto campo con grande forza. Ecco le parole del tecnico. Ci siamo guadagnati questa chance con una grande competizione.

Problemi al traffico aereo in tutta Europa: in tilt il sistema informatico
Secondo la ricostruzione fornita da Eurocontrol , " c'è stato un guasto all'Enhanced Tactical Flow Management System ". Non ci sono conseguenze di sicurezza .

"Il Barcellona non ha bisogno di vantaggi, anche se non credo che loro si adatteranno in base alle nostre scelte". Condividi? "Non vogliamo parlare di percentuali, noi ci proveremo con umiltà, rispetto ed entusiasmo proveremo a fare grandi cose, non dobbiamo guardare a ciò che abbiamo già fatto". Hanno grande qualità nell'andare a fare gol, se li portiamo vicino alla nostra area avranno molte opportunità. "Dobbiamo dargli poche occasioni". Abbiamo recuperato anche Pellegrini che oggi si allenerà con la squadra. Ad oggi la possibilità è al 50%. Per quanto riguarda tutti i ruoli, in questa gara voglio però mettere tutti sull'attenti. La spensieratezza deve far parte dell'indole di un giocatore, specialmente chi gioca in una squadra importante mentalmente deve essere forte, spensierato cercare di fare qualcosa in più. È un caso, guardando i filmati in questi giorni dico che ha grande qualità. E sullo stato di forma di Messi e compagni Di Francesco chiosa: "Il Barcellona in casa in Champions ha preso solo un gol". Nonostante gioca sempre alto, subisce pochissimo in confronto agli avversari. Dobbiamo avere un atteggiamento positivo e propositivo con la speranza di potergli dare fastidio e fargli male. Si può comparare con Iniesta?Io sono innamorato di Iniesta, ma Totti è differente, è più attaccante. "Entrambi hanno fatto la storia del club e in questo sono simili, in mezzo al campo sono totalmente differenti". "Magari potrebbe non giocare nessuno dei due (ride, ndr)". "Quello della Roma, con le dovute proporzioni". "Erano troppo forti le altre". Ora stiamo crescendo, nel campionato inglese o spagnolo ci sono giocatori più forti, noi dobbiamo lavorare sulla parte tattica e sul discorso di squadra.

Share