Montella: "Io in Nazionale? Un sogno. Cutrone…"

Share

Montella è l'ultimo in ordine di tempo a candidarsi per un posto sulla panchina della Nazionale Italiana: dopo le dichiarazioni di Carlo Ancelotti, il pronto ritorno di Antonio Conte, il pensierino di Gigi Di Biagio, anche l'ex aeroplanino si candida quale commissario tecnico degli azzurri. "Io ho commesso degli errori, anche se credo di aver fatto il meglio possibile". C'erano una decina di giocatori nuovi, provenienti da altri campionati e molti senza esperienza internazionale. Penso che avremmo dovuto aspettare, anche con i dirigenti dicevamo questo. "(Ride rispondendo alla domanda di un ascoltatore, ndr) Hanno già un grande allenatore (Allegri, ndr) che sta facendo un grande lavoro". Sono felice per la convocazione di Cutrone in Nazionale, abbiamo lavorato tanto su lui, ha grande voglia di migliorarsi in ogni momento dell'allenamento e questo lo porterà lontano. La sento un po' una 'creatura'.

La sfida ha visto uscire come vincente il Siviglia di Vincenzo Montella, che ha compiuto un vero e proprio miracolo, andando a eliminare dalla Champions League il più quotato Manchester United guidato da Josè Mourinho che subito è stato criticato ed è divenuto oggetto di ilarità, da parte di tutti i tifosi avversari.

Uccisa a coltellate e gettata nel pozzo: confessa il compagno
L'assassino ha provato a spingerlo giù, poi lo ha coperto con il coperchio in ferro e si è allontanato. Gli investigatori dell'Arma stanno ora cercando di ricostruire le ultime ore di vita della ragazza.

"Scudetto? Il Napoli ha una rosa più corta rispetto alla Juve e sta facendo grandi cose, sarà un duello apertissimo. Ho un altro anno di contratto e se siamo contenti reciprocamente sono contento di continuare qui". Quando c'è un episodio al limite uno non accetta che qualcuno possa sbagliare, ma la percentuale d'errore si è molto abbassata e dunque occorre accettare gli eventuali errori pur di mantenerla. Nessuno se n'è accorto, ma impostavamo a 3 e difendevamo a 4, in una sorta di 4-4-2: i numeri non devono dare una visione statica. I giovani bravi giocano, Cutrone lo dimostra: credo talvolta ci sia troppa fretta, l'importante è che sia bravo.

Share