Salvini non molla, io leader centrodestra

Share

"Salvini non è il leader del centrodestra - precisa Renato Brunetta, Forza Italia - è semplicemente il leader del partito che all'interno del centrodestra ha avuto più voti e che sulla base delle regole che ci siamo dati ha il compito di fare, se riusciremo a farlo, il governo". Chiarito questo aspetto non irrilevante, ricordo a me stesso che il centrodestra, vivaddio, non ha un solo leader, ma almeno tre: Silvio Berlusconi, lo stesso Salvini e Giorgia Meloni. Lo ha affermato il leader della Lega, Matteo Salvini, a Lamezia Terme per un'iniziativa di ringraziamento degli elettori calabresi.

E se il patto M5S-Lega regge? Anche se il leader del Carroccio continua a smentire: "Con Fi c'è totale condivisione e sintonia di programma e intenti" dichiara in una nota. Con loro stiamo lavorando a squadra e programma di governo mentre vedo che altrove non è così: "Pd litiga e M5s non si capisce cosa voglia fare". "Aspettiamo la convocazione del presidente Mattarella", ha aggiunto.

MotoGP Qatar, qualifiche: Chapeau, monsieur Zarco!
Grande soddisfazione per Paolo Simoncelli che piazza in pole position in Moto 3 Niccolò Antonelli . Quindi, a sorpresa, la Suzuki dello spagnolo Alex Rins (+0.097).

Nei giorni passati dal voto l'attenzione da parte degli analisti si è appuntata giustamente sul nesso tra i successi di Lega e 5 Stelle e il rispettivo "sottostante" territoriale, il Nord per i primi e il Sud per i secondi.

Il PD dice no a tutti, questo è un problema loro. Finora apparentemente solo sulle presidenze delle Camere, ma non si esclude un accordo di governo su alcuni punti: dal no all'aumento dell'Iva al rapporto con la Russia, dalle politiche sull'immigrazione a quello sulla Legge Fornero. Con una nuova legge elettorale e un impegno importante sulla riduzione dei costi della politica, i pentastellati potrebbero ottenere nelle prossime consultazioni un po' di voti dei simpatizzanti del Pd e la Lega quelli di Forza Italia. "Se il Movimento 5 stelle vuole fare, come dice, un presidente di garanzia, il Pd è il secondo partito e non va emarginato". Ci vediamo in Aula a scrutinio segreto e ci divertiamo. Con un occhio di riguardo per il segretario del Carroccio. dal momento che questo "predellino" leghista, altro non farebbe che tagliare fuori dai giochi il leader di Forza Italia.

Share