Milan, Gattuso: "Orgoglioso dei ragazzi. Gli arbitri possono sbagliare"

Share

Ebbene, il 4-4-2 provato e riprovato da Gennaro Gattuso in allenamento, ma anche già visto in qualche occasione in partita (ad esempio i venti minuti finali, con vittoria, a Genova), è stato sdoganato ufficialmente e questa sera all'Emirates Stadium il Milan tenterà l'impresa con questa nuova veste tattica. Un insegnamento dunque per il proseguo della stagione, ora testa al campionato ripartendo proprio da questa eliminazione, anche se fa male. Non voglio parlare dell'arbitro, possono sbagliare anche loro come sbagliano i giocatori", ha detto a Sky l'allenatore dopo la sfida di Londra persa 3-1, convinto che la sua squadra abbia "dimostrato grande solidità. Non deve succedere, non dobbiamo mai dare la sensazione di lasciare il campo. "Sono orgoglioso dei miei ragazzi, abbiamo perso all'andata, là abbiamo sbagliato la partita".

Juventus, De Sciglio: "Gol scudetto quello di Dybala. Allegri? E' fatto così"
Negli ultimi tre anni, questa squadra ha raggiunto due finali: sicuramente a livello europeo è cresciuta molto e siamo consapevoli di poter ambire a cose importanti".

Sul proseguo della stagione: "Dobbiamo lavorare con serietà e lucidità". Nessun alibi, adesso bisogna riposare e guardare avanti. Come si sbaglia un rigore, un gol a porta libera può sbagliare anche uno dei portieri più forti del mondo. Abbiamo sofferto con Suso e Kessiè, ma sono molto contento della prestazione, abbiamo saputo soffrire, a livello di personalità la squadra mi è piaciuta molto. Mancano 11 partite di campionato, la finale di Coppa Italia, è una squadra giovane, possiamo arrivare ai livelli dell'Arsenal, che ha più esperienza e più forza. L'importante - ha concluso - è che non si faccia condizionare da quello che sta succedendo. Gli attaccanti a disposizione? Kalinic si muove bene, ha più esperienza rispetto a Cutrone e André Silva. Kalinic non ha fatto neanche la preparazione, fa fatica a supportare carichi pesanti perché non riesce a smaltirli. Ma io sono contento di tutti e tre gli attaccanti.

Share