Prove di intesa M5s-Lega, Di Maio: "A noi la presidenza della Camera"

Share

È lo stesso Luigi Di Maio a svelare il retroscena sul blog. Insomma si può continuare a trattare anche se è chiaro che, dietro la discussione sul prossimo presidente della Camera, si nasconde quella su un possibile governo.

"Abbiamo parlato del metodo e abbiamo presentato la nostra richiesta di avere la presidenza della Camera".

"Perché la Camera e non il Senato?".

Oggi, come annunciato, Toninelli e Grillo hanno incontrato le altre forze politiche.

Chiara Ferragni: nuovi problemi per Leone
La fine della gravidanza si avvicina a passi da gigante e con essa anche qualche piccolo imprevisto. Il tutto, come di consueto, è stato raccontato dalla coppia sui loro social.

Ettore Rosato spiega la linea del Pd rispetto ai presidenti delle Camere: "Il Pd non chiede niente - dice - ma se i profili sono adeguati non c'è preclusione a votare nomi proposti da chi ha vinto le elezioni se sono all'altezza del ruolo". Per noi questa volontà è sacrosanta - puntella - e vogliamo che venga rispecchiata attraverso l'attribuzione al MoVimento della presidenza della Camera dei Deputati.

Di Maio aggiunge che l'attribuzione a M5s della presidenza della Camera "permetterà" al M5s "di portare avanti, a partire dall'Ufficio di Presidenza, la nostra battaglia per l'abolizione dei vitalizi e tanto altro". Anche Salvini, conclude Di Maio, "ha riconosciuto il nostro straordinario risultato, e io ho riconosciuto il successo elettorale ottenuto dalla Lega".

"Quello che ritenevamo importante ribadire alle forze politiche che abbiamo incontrato - ha proseguito Grillo - era di indicare i presidenti, a differenza degli ultimi venti anni, slegandoli dal governo, affinché non siano nomi organici del nuovo governo ma invece garanzia dell'istituzione parlamentare come cuore della democrazia". Il capogruppo Danilo Toninelli, che in queste ore ha incontrato Liberi e Uguali e il Partito Democratico per ultimare le consultazioni, potrebbe essere un papabile candidato.

Intanto da Silvio Berlusconi ieri è arrivato uno stop a M5s.

Share