Inter-Napoli 0-0, Juve in testa, Sarri: "Spetta a loro vincere"

Share

L'Inter contro il Napoli ha ottenuto un pareggio che, viste le forze in campo attualmente, può essere salutato con soddisfazione. Noi siamo stati bravi ad andare a mordere in alcuni momenti e ad aspettare in altri: quando abbiamo riconquistato palla c'era la possibilità di andare a ripartire e fare male, in alcuni casi siamo stati bravi e in altri potevamo fare meglio. Sulla qualità dei calciatori dell'Inter sarebbe opportuno domandare all'allenatore se Sarri, a differenza sua, abbia ereditato un gruppo dai piedi raffinati, di tocco e di senso del gioco. "Perché se fai notare che la qualità non è eccellente, stai dicendo che il mercato non è stato all" altezza, in estate e a gennaio. Il tecnico dei nerazzuri parla subito dopo il match contro il Napoli nel posticipo della domenica sera. Al 78' bello scambio tra Icardi-Eder, col tiro di quest'ultimo che finisce tra le braccia di Reina. Il Milan è rientrato nella corsa Champions? Suning non ha intenzione di cambiare strategia e a fine anno, Champions o no, non farà sacrifici per rinforzare la squadra.

Huawei P20 Lite, nuove foto (e video) hands on
All'interno, con ogni probabilità, batterà il Kirin 970 octa core della controllata HiSilicon già visto su Mate 10 Pro. In posizione centrale sarà collocato un sensore per il riconoscimento delle impronte digitali.

Una delle caratteristiche principali dell'interista-tipo è l'essere negazionista ad oltranza: possono fargli leggere interi faldoni di deposizioni, fargli ascoltare decine di intercettazioni e intere relazioni della Procura federale, ma loro si ostineranno a non prendere minimamente in considerazione un coinvolgimento della loro società in Calciopoli, si dichiareranno a oltranza vittime di quel sistema marcio e corrotto. La squadra nerazzurra, a -4 dal podio della Serie A nonostante la brusca flessione degli ultimi mesi, ha già dato tutto? Ma Spalletti ha trovato il nemico, ha smascherato il fantasma, ha individuato i colpevoli: non lui e le sue paturnie dialettiche ma i calciatori e, nel passato recente, i dirigenti. La prossima volta ci si metterà qualcosa, anche se a volte siamo tornati indietro quindi non so come sarà la prossima. Evidentemente la squadra di Spalletti a volte ha sottovalutato certi rivali, mentre con quelli di prestigio ha ritrovato smalto. Napoli che prende campo e si fanno sentire i tantissimi napoletani nel settore ospiti. Non risparmiati i giocatori. Spalletti l'ha zittito. "È il suo pensiero, il mio l'ho detto". "Dove lo metti si lamenta della posizione". Il rischio è elevato, i giocatori non hanno preso bene le critiche. Ma è dall'inizio dell'anno che ci lavoro e non ci sono ancora riuscito.

Share