Fast food cerca cassiera: "Italiane, svegliatevi! Il lavoro c'è, voi invece no"

Share

Si legge nel post: "Se ci chiedete perché la maggior parte delle cassiere sono ragazze filippine, vi rispondiamo perché le italiane il sabato hanno il moroso, il mercoledì hanno la palestra, la domenica la stanchezza, ecc.". Sicuramente discutibile, ma in passato - forse seguendo la logica "che si parli bene o male, l'importante è che se ne parli" - i post della catena avevano anche strappato qualche sorriso ai clienti. "Italiane, svegliatevi! Il lavoro c'è, siete voi che non ci siete": conclude così l'annuncio postato su Facebook da Burgez alla ricerca di una cassiera per uno dei suoi locali. Una trovata di marketing che arriva dopo la pubblicità della Tirrenia, tacciata sui social di 'razzismo', che con un slogan si vanta di avere a bordo delle sue navi "solo personale italiano".

Le italiane non hanno voglia di lavorare e dovrebbero darsi una mossa: è questo, in sintesi, il messaggio lanciato da un annuncio di lavoro comparso sulla pagina di Burgez, hamburgeria che conta tre punti vendita in quel di Milano.

Burgez inverte i fattori, abdicando all'italianità, ma le critiche sono piovute lo stesso.

Serie B: Bari-Spezia 1-1, Brienza risponde a Forte
Non so come ci presentiamo, perche' abbiamo bisogno delle energie che servono per fare una grande partita . Noi avremmo voluto fare meglio, abbiamo fatto un possesso sterile, a volte avremmo potuto accelerare.

Ovviamente le reazioni sono state molto dure, ma Burgez non ha arretrato di un millimetro: Simone Ciaruffoli, fondatore della linea di fast food, ha spiegato: "non è vero che non vogliamo italiane, semplicemente è difficile trovarne. qualcuna viene al colloquio con la mamma, altre con il fidanzato". E ancora: "Mi fate talmente ribrezzo per questo post che diventerei vegano pur di non mangiare da voi", ha scritto Massimiliano. Complimenti per il fantastico annuncio razzista e sessista.

L'imprenditore ha aggiunto che al momento del colloquio di lavoro molti italiani chiedono il week-end libero: 'Nel fine settimana si lavora sempre di più'. Secondo effetto: in un giorno sono arrivati 260 curricula. E Burgez che fa?

Share