"Costruito senza autorizzazioni": sequestrato il centro polivalente di Norcia, indagato Boeri

Share

I carabinieri hanno posto i sigilli sul centro polivalente "Norcia 4.0" realizzato dall'architetto Stefano Boeri che ora risulta nella lista degli indagati come direttore dei lavori. Secondo quanto si è appreso, la procura di Spoleto contesta che l'opera sia stata realizzata in violazione alla normativa che ne prevede la temporaneità, mentre il centro polivalente - secondo gli investigatori - avrebbe invece carattere definitivo. Lo ha reso noto il sindaco Nicola Alemanno dopo avere ricevuto un avviso di garanzia relativo al provvedimento.

Il sequestro preventivo è stato disposto dal gip di Spoleto Francesco Salerno su richiesta della procura.

Aprilia, Ivano Beggio è morto. Lanciò Valentino Rossi e Max Biaggi
Ma Ivan Beggio era anche uno scopritore di talenti, a partire da Valentino Rossi e Max Biaggi , che iniziarono proprio sotto la sua ala protettrice.

Nel Frattempo, l'architetto Boeri si mostra tranquillo, parlando all'Ansa di "un gigantesco equivoco". "Non so come si faccia a dire che non è temporaneo - ha detto all'ANSA - E' smontabile e rimontabile completamente, impianti inclusi". Il suo nome compare infatti nell'avviso di garanzia notificato al sindaco Nicola Alemanno. A lui e al sindaco nursino verrebbe contestata la violazione della normativa edilizia per la realizzazione del centro "in assenza del necessario permesso a costruire e dell'autorizzazione paesaggistica". "Mi spiace, veramente, per la popolazione che ha vissuto una vicenda drammatica - afferma Boeri - e si vede privata dell'unico luogo di aggregazione sicuro". Viene usato per le scuole, per il teatro, per le sedute del Consiglio comunale. L'edificio è stato realizzato con i fondi raccolti dall'iniziativa "Un aiuto subito - Terremoto Centro Italia 6.0" lanciata dal Corriere della Sera e dal Tg di La 7.

Share