Nazionale, Ancelotti: "Io ct? Ipotesi non lontana"

Share

Carlo Ancelotti ha parlato ai microfoni di 'Radio Anch'io Sport' su RadioUno ed ha toccato diversi argomenti ma quello che spicca di più è sicuramente la sua apertura ad un'eventuale chiamata da parte della Nazionale italiana a ricoprire il ruolo di commissario tecnico. "Io ct della Nazionale?". E poi io ufficialmente sono ancora sotto contratto. Quando ci sarà una nuova panchina? "Non lo so, non dipende da me". A dieci giornate dal termine della Serie A, si fa sempre più serrata la corsa alla massima competizione europea, con la Lazio che si ritrova a sgomitare insieme a Inter, Roma e Milan. Sentendolo parlare mi sembra ancora molto motivato e presente.

La moda di difendere l'indifendibile, anche la pizza di Cracco
Carlo Cracco stravolge la pizza Margherita nel suo nuovo ristorante aperto recentemente in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Infine, mozzarella di bufala all'uscita (non cotta) disposta sulla pizza come a formare un fiore e basilico in semi.

"Di Biagio fa bene a contare su di lui, fa sempre bene". Ha fatto bene ad affidare la panchina a Di Biagio e ad aspettare magari per una sua possibile conferma. Restando ai grandi amori di Ancelotti, domani sera la Roma dovrà ribaltare all'Olimpico il 2-1 subito dallo Shakhtar Donetsk nell'andata degli ottavi di Champions League: "La Roma gioca una partita difficile, contro una squadra complicata, ma nelle ultime due partite ha dato ottimi segnali". La Juventus? Ha fatto un passo importante, in un momento cruciale. L'Atalanta può sempre fare la sorpresa a Torino, ma la Juve può sempre vincere. Il Napoli? Ha un'identità ben precisa, il suo gioco può piacere o meno: "a me piace". "Penso che possa continuare". Poi un pensiero sul "suo" Milan: "Credo che Gattuso abbia creato una buona sintonia coi giocatori: ha dato obiettivi, motivazioni, chiarezza".

Share