Pioli: "Davide era speciale, porteremo avanti i suoi insegnamenti" Sport

Share

"Ho avuto la fortuna e il privilegio di conoscere da vicino Davide, era una persona speciale, un capitano speciale, generoso, positivo, disponibile, altruista". Per un futuro migliore di tutti noi.

Questo il comunicato: "In considerazione della particolarissima atmosfera che regnerà domani 11 marzo allo stadio Franchi di Firenze per Fiorentina-Benevento, dopo la scomparsa di Davide Astori, il Gruppo Toscano Giornalisti Sportivi (Ussi) e l'Associazione Stampa Toscana, ferma restando come sempre la completa autonomia di direttori e capi servizio, invitano i colleghi e tutte le testate a non compilare, per questa volta, le pagelle sul rendimento in campo dei giocatori".

Catturato il latitante Antonino Pesce
Pesce, secondo gli inquirenti, gestiva assieme ad altri il trasporto su gomma degli agrumi da Gioia Tauro alle regioni italiane. Con l'arresto di oggi, sono stati tutticatturati i latitanti della cosca Pesce.

"Vi chiedo scusa - ha detto Pioli -, ma oggi non vorrei ripsondere alle domande". "Il primo pensiero è per i genitori e per i fratelli di Davide". Trovava sempre il modo e il tempo giusto di dire le cose a me e ai suoi compagni. Purtroppo me lo sono goduto per troppo poco tempo e mi mancherà, mi manca ogni giorno che vado al campo e ogni giorno che scenderemo in campo. Se Davide era una persona speciale è perchè loro sono speciali. Invece per Francesca e Vittoria (moglie e figlia ndr) non ho trovato le parole che possano consolarle ma una promessa la posso fare: noi ci saremo sempre per loro. Avrei voluto aver la forza e il coraggio di abbracciarli uno a uno sia mercoledì a Coverciano che giovedì in Santa Croce per consolarci e trovare insieme più forza per andare avanti. Una tragedia che ha scosso tutto il mondo il calcio ma soprattutto la Fiorentina. Toccherà a noi seguire l'esempio di Davide. La nostra proprietà si è ancora una volta contraddistinta per serietà, sensibilità e disponibilità, facendo di tutto anche per aiutare la squadra.

Sui Della Valle: "La società ci sta aiutando molto". Ma sappiamo cosa dobbiamo fare per onorare la sua memoria. A me piace stimolare la squadra dicendo spesso: "Cercate di allenarvi e giocare come fosse l'ultima volta che potete farlo". Ecco, a Davide queste cose non le ho mai dette perche' con lui non c'era bisogno.

Share