Inter, l'ex presidente Moratti: "Dobbiamo aiutare Suning ad innamorarsene"

Share

Sono passati tanti anni e continuo sempre a essere legato a questa società, adesso come vicepresidente, cercherò sempre di dare il massimo per farla rispettare e per portare l'Inter sempre più in alto.

A margine della presentazione, a Milano, del libro "Inter 110, noi siamo fratelli del mondo", l'ex patron nerazzurro Massimo Moratti ha parlato così della ricorrenza ai microfoni dell'inviato di RMC Sport: "Ascoltare Zanetti e Gianfelice è un orgoglio". Di questa squadra ci si innamora dei momenti. Ha insegnato a me e ad altra gente a voler bene a ciò che si faceva bene, e noi l'Inter l'abbiamo voluta bene. Abbiamo costruito emozioni soffrendo, ma non ci siamo mai allontanati dall'essenza di questo club.

Funerale Davide Astori, Badelj: "Sei la nostra luce"
Al mattino quando arrivavi nella stanza della fisioterapia, eri sempre tu ad accendere la luce . Queste alcune delle parole di commemorazione di un altrettanto commosso Badelj .

E poi c'è l'Inter, eterno amore e tormento che ancora una volta ha illuso per poi limitarsi a giocare per le zone di rincalzo, quelle della Champions League. E per questo, l'ex presidente mette le mani avanti: in caso di sconfitta domenica sera, la si subirà da una squadra che ha tutto per diventare la numero 1 in Italia. L'Inter è una donna affascinante, difficile, viziata. Per me è stata una grande fortuna, un grande privilegio essere proprietario, presidente, responsabile di questo club. Scherzi a parte, i rimpianti ci son sempre, ma il buon senso ti fa valutare la vita nel suo complesso e mi sembra che la mia famiglia abbia dato almeno un piccolo aiuto all'Inter. Lo sentivo anche nei confronti dei tifosi. Detto ciò, non mi auguro certo una vittoria del Napoli domani: "cominciamo a far andare bene l'Inter, poi il resto si vedrà". Ci sono circostanze difficili, ma siamo sulla buona strada. Aiutiamoli, facciamoli crescere e mettiamoli in condizione di fare anche errori. Faccio l'in bocca al lupo alla famiglia Zhang.

Share