Festa delle Donne: significato ed eventi della giornata di oggi

Share

"Partecipo in quanto donna e in quanto immigrata", spiega Victoria, che da oltre 20 anni vive in Italia ma non ha dimenticato il "dolore di lasciare il proprio Paese, le persone care, familiari, amici, per andare in un Paese lontano, alla ricerca di una vita più dignitosa".

Il gruppo donne dell'Anpi di Camagna Monferrato, in collaborazione con il Bar Sut la Cupola, ha celebrato la Giornata internazionale della Donna con una mostra di opere di Barbara Percivalle, artista locale attiva da tempo: lo scorso anno aveva esposto alcune opere, a tema fantasy, all'interno del Camagna Comics&Games. Dopo la rivoluzione bolscevica, nel 1922 Lenin istituì l'8 marzo come festività ufficiale. Una delle più comuni sostiene che venne istituita per ricordare un incendio che uccise centinaia di operaie di una fabbrica di camicie a New York l'8 marzo 1908. Va ancora peggio se consideriamo quante donne con figli possono fare carriera o quante ricoprono ruoli di vertice. Secondo i racconti dell'epoca, inizialmente si voleva usare come fiore simbolo della festa la violetta, un fiore con una lunga tradizione nella sinistra europea. Tra queste donne vi era Teresa Mattei, una ex partigiana che negli anni successivi avrebbe continuato a battersi per i diritti delle donne.

Ecco perché proposero di adottare un fiore molto più economico, che fiorisse alla fine dell'inverno e che fosse facile da trovare nei campi: da qui nacque l'idea della mimosa. In Africa la festività ha preso piede e vengono organizzati svariati eventi culturali e artistici dalle associazioni femminili che durano anche 7 giorni. Le donne sono forti e fragili.

Serie A, tutti in campo con la scritta 'Ciao Davide'
Accolti da un lungo applauso dei tifosi viola, anche i giocatori della Juventus , arrivati dopo la vittoria in Champions League . Ci siamo ricordati che siamo tifosi di uno stesso sport, IL CALCIO.

"Sono indubbiamente molti i terreni sui quali l'impegno delle donne per conquistare condizioni di parità con gli uomini è faticoso anche in termine di risultati". È un'avventura che richiede un tale coraggio, una sfida, che non finisce mai. Oggi Victoria fa "la mediatrice in un centro di accoglienza" per Mondo Donna e lavora con giovani donne che hanno subito violenza nei territori dove sono nate e in quelli in cui sono transitate.

Da oggi C.R.T. RADIO si costituirà parte civile lesa in ogni denuncia presentata dalle Donne, dai Minori e da chiunque abbia a patire sopraffazione.

L'8 marzo fa sempre è il giorno rosa per eccellenza, un momento in particolare che riesce a rivoluzionare le programmazioni televisive e anche quelli on-line. Le Donne vogliono rispetto, vogliono Amare e vogliono essere leggere quando lo desiderano senza essere prese per superficiali solo perché Donne.

Share