De Zerbi: "Fiorentina-Benevento andava rinviata, ci sono cose più importanti del calcio"

Share

La conferma arriva dalle parole del tecnico dei campani Roberto De Zerbi, intervenuto in conferenza stampa nel giorno dei funerali. "È come se fosse scomparso un calciatore del Benevento allenato da me, perché chi sta in questo contesto sa cosa vuol dire stare in un ritiro". "Quando viene a mancare una persona così è davvero pesante per tutti, anche per noi". In situazioni così importanti se ci si ferma non succede nulla. Ma ora dobbiamo onorare il calcio e i tifosi, anche se riuscire a scindere le cose è molto difficile.

E sull'ambiente che, molto probabilmente, i giallorossi troveranno a Firenze: "Ci immaginiamo l'ambiente che troveremo e probabilmente non ce ne rendiamo conto al cento per cento". Siamo in grandissima difficoltà, perché fare una partita dopo tre giorni dal funerale è pesante per entrambe le squadre. E' chiaro che giocare dopo soli tre giorni, l'idea condivisa era quella di non giocare; poi saltando già il Verona e poi anche i viola, saremmo stati fermi 15 giorni.

In classifica il Benevento resta all'ultimo posto con appena 10 punti, e un ulteriore ko avvicinerebbe i sanniti alla retrocessione."Conoscendo me stesso e i ragazzi che alleno", - ha detto De Zerbi - avremmo voluto giocare in altre condizioni. Entreremo in campo per fare risultato. Mi dispiace dirlo perché siamo ultimi e non voglio che la cosa sia fraintesa, ma preferisco retrocedere domani piuttosto che vincere in un momento così tragico. La vita va avanti sempre. Come se fosse un mio giocatore, un giocatore del Benevento.

Roberto De Zerbi su Fiorentina Benevento PS ita

Sandro, centrocampista di proprietà del Benevento, ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Sky Sport nella quale è tornato a parlare dei motivi che lo hanno spinto a trasferirsi al club campano ma anche del suo futuro: il mediano brasiliano si trova a proprio agio in giallorosso e non esclude che possa rimanere anche il prossimo anno, pure se il Benevento dovesse salutare la massima serie.

"Non sarà un incontro normale - ha concluso De Zerbi - e questo potremmo pagarlo ancora di più non essendo parte in causa in maniera direttissima. Sono un libro aperto e faccio fatica a mettere da parte il mio stato d'animo".

Annunciato ufficialmente Call of Duty: Black Ops 4, con data d'uscita 10
Insomma, viene confermato che il Call of Duty del 2018 è il nuovo capitolo della miniserie di Treyarch . Get real time update about this post categories directly on your device, subscribe now.

Share