Spotify non transige: chi usa app Premium crackate rischia la chiusura dell'account

Share

Il fenomeno è abbastanza noto: online sono disponibili numerose MOD che consentono di trasformare di fatto la versione del servizio da gratuita a premium.

Da qualche giorno gli utenti che usano questi APK modificati (in giro per la rete se ne trovano a decine) stanno ricevendo una mail di "avvertimento" firmata Spotify.

Nonostante questi numeri piuttosto positivi, in più riprese, i creator che aderiscono al programma streaming di Spotify hanno dichiarato di non ricevere moltissimo dal programma, complice forse lo scarso numero di Euro che ricevono per play di una traccia.

Il primo tipo di abbonamento è quello Spotify Free, la versione più conosciuta e secondo le statistiche più utilizzata in assoluto. Per recuperare la loro libreria, Spotify chiede agli utenti illegali di scaricare la versione ufficiale dell'applicazione ed eliminare la versione crackata.

Tirreno - Adriatico 2018: Dumoulin, Aru e Nibali devono rimontare
La formazione UAE del sardo ha concluso la prova con 45 secondi di ritardo dalla BMC . L'anno scorso gli statunitensi viaggiarono a cronometro con una media di 58,329 km/h.

"Abbiamo rilevato attività anomale nell'applicazione che stai utilizzando, quindi l'abbiamo disattivata". Le cose sono dette, la guerra è dichiarata. Non preoccuparti: il tuo account Spotify è sicuro.

Attraverso una email, l'assistenza di Spotify ha avvisato gli utenti in questione di utilizzare un'applicazione sospetta, per cui sono stati portati a sospendere le funzioni. L'azienda, com'è logico che sia, mira a massimizzare gli utenti abbonati, allo scopo di aumentare gli introiti, soprattutto alla luce delle recenti notizie riguardanti l'imminente debutto in borsa. Nel messaggio di posta elettronica inviato da Spotify e ottenuto da TorrentFreak, si legge che "se rileviamo l'uso ripetuto di app non autorizzate in violazione dei nostri termini, ci riserviamo tutti i diritti, inclusa la sospensione o chiusura del tuo account".

Che soluzioni rimangono agli utenti più avari?

Dopo essersi accorta dell'hack, Spotify ha cominciato ad inviare una comunicazione via mail a tutti quegli utenti che hanno utilizzato il proprio account tramite Android per accedere in maniera piratesca al download dei brani o all'eliminazione delle pubblicità.

Share