Hellas Verona-Torino 2-1, le pagelle: Valoti mattatore, spento Ansaldi

Share

L'unico ex della partita è Alessio Cerci, oggi in maglia Hellas ma capace di esplodere a grandi livelli proprio con la maglia del Torino sotto la guida di Gianpiero Ventura; fu grazie anche ai 21 centri in 73 partite tra il 2012 e il 2014 infatti che il talento scuola Roma si guadagnò la chiamata dell'Atlético Madrid (dove non riuscirà a confermarsi).

Tornate in campo dopo l'intervallo, le squadre hanno ripreso a giocare, in occasione della seconda frazione di gioco, mantenendo gli stessi ritmi dei primi 45 minuti, cosa che ci ha portato ad assistere a due occasioni importanti nei primi 5 minuti di gioco. Tutto parte dai piedi di Belotti, che lancia Iago Falque verso l'are di rigore con un ottimo suggerimento. Da evidenziare un intervento pregevole di Nicolas, che salva l'Hellas deviando in calcio d'angolo una conclusione di testa ravvicinata di Berenguer.

L'Isola dei Famosi 2018: concorrente squalificato per frase omofoba?
Il sensitivo che ha la capacità di vedere gli angeli racconta la sua mancata amicizia con Franco a causa della sua omofobia. Ovviamente, l'incidente a luci rosse si è subito presentato agli occhi degli oltre 4 milioni di telespettatori.

FORMAZIONE VERONA: Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Vukovic, Fares; Romulo, Valoti, Verde, Calvano; Petkovic, Kean. A disposizione: Silvestri, Coppola, Boldor, Fossati, Felicioli, Souprayen, Zuculini, Bearzotti, Aarons, Laner, S.W. Lee, Matos.

Torino: (4-3-3): Sirigu; De Silvestri, N'Koulou, Burdisso, Ansaldi; Acquah (min. 70 Ljajic), Rincon, Obi (min. 79 Baselli); Iago Falqué (min. 83 Berenguer), Belotti, Niang. All. Ammoniti: Burdisso (min. 13), Petkovic (min. 29), Ferrari (min. 39), Romulo (min. 44). Dopo il gol a inizio primo tempo di Valoti, il toro aveva trovato il pareggio ad avvio ripresa con Niang, ma ancora Valoti ha segnato il gol partita al 77'. Complice anche lo stop del Crotone con la Spal, la linea della salvezza per Pecchia passa da cinque a due punti.

Share