L'Inter delude, Sabatini chiarisce: "Non è colpa di Suning"

Share

Dopo aver concluso una campagna estiva assolutamente deficitaria, ci si attendeva che l'Inter sarebbe corsa ai ripari a gennaio, garantendo a Spalletti quegli acquisti assolutamente necessari per centrare la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Battuta finale sull'obiettivo Champions, per raggiungere il quale occorre mettere da parte "prosa ridondante e divagazioni varie".

In difesa del presidente però oggi è arrivato in soccorso, Walter Sabatini, coordinatore dell'area tecnica del gruppo cinese che comprende anche lo Jiangsu che all'Ansa ha spiegato come le responabilità del momento nero della compagine interista stiano altrove. Parole importanti quelle di Walter Sabatini che si prende la società sulle spalle ed è sicuramente intelligente nel responsabilizzarsi. Si parte dal momento no della squadra, per il quale non bisogna dare la colpa a Suning: "Prendersela con Suning è sbagliato o quantomeno ingeneroso, paletti del fair play finanziario a parte, non ha mai condizionato le nostre scelte: la responsabilità esclusiva dei risultati della squadra è dei professionisti che hanno operato. E' tempo di sintesi brutale da adottare nello spogliatoio, in campo e in sala stampa, ma anche negli uffici di corso Vittorio Emanuele II". "Non credo alla retorica del richiamo all'impegno, alla professionalità o al sacrificio perché queste sono attitudini che qualsiasi calciatore, in qualsiasi categoria, deve avere".

Giorgia Meloni presenta i candidati di FdI in Abruzzo
Penso che ci sia tanto malcontento che possiamo andare a recuperare ma ho trovato invece l'idea di distinguersi all'interno del centrodestra .

Antonello, nell'intervista a Premium, non si dice preoccupato per le parole di Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, che di recente ha affermato che sulla punta si sono posati gli occhi di due grandi club. Dobbiamo rimanere concentrati sul nostro obiettivo.

Share