M5s Rimborsopoli: interrogato in Procura l'ex dell'on. grillina Giulia Sarti

Share

Lei ha denunciato l'ex fidanzato, che in precedenza aveva preso come collaboratore, e si è autosospesa in attesa della decisione dello staff. Una settimana dopo il caso delle mancate restituzioni del Movimento 5 stelle e dopo che i vertici hanno proceduto a sanzioni ed espulsioni, resta aperta la vicenda che coinvolge la deputata Giulia Sarti. "Martedì sera ho fatto un controllo puntuale e mi sono resa conto che non erano stati eseguiti alcuni bonifici al Mef", si legge nella denuncia in cui Sarti sottolinea di aver provveduto il 14 febbraio a sanare la sua posizione versando "le somme dovute, pari a 23mila euro".

"Vedremo come va a finire perché la verità e tutta un'altra. Vedrai i messaggi e le email". "Io ho un brutto vizio: registrare tutto e pure le telefonate". "Le mie private sofferenze, però, non possono sottrarmi agli obblighi che mi derivano dall'impegno pubblico assunto con il Movimento Cinque Stelle, e con i cittadini", è il post della deputata romagnola il cui ex fidanzato è stato sentito questa notte in procura. "Usciranno diverse conversazioni e forse non vi conviene esporvi ora", si è difeso su Facebook Andrea De Girolamo, pseudonimo dietro il quale, si nasconde Bogdan Andrea Tibusche, ex compagno della deputata.

Scoppio in cantina: un morto
A causa della deflagrazione , in cui ha perso la vita un uomo, è anche crollato un muro divisorio nei sotterranei dei locali. Nella casa gli investigatori hanno trovato il gatto dell'uomo e diverso materiale bellico da collezionismo .

Sarti ieri ha detto ai suoi che alla denuncia depositata in questura ora seguirà una causa, con accuse incrociate. Sarti spiega che Bogdan, consulente informatico si "occupava, con il mio consenso della gestione della contabilità", incluse le restituzioni al fondo del microcredito.

Share