Delusione a Nuoro,Parma capitale cultura

Share

Il verdetto è arrivato: la Capitale italiana della Cultura 2020 è Parma. La designazione è stata annunciata dal Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini.

In lizza c'erano anche Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso. Non completamente, almeno: la Capitale Italiana della Cultura 2020 sarà infatti Parma.Dopo una corsa durata mesi, con selezioni sempre più severe, il progetto presentato dall'Amministrazione comunale parmense è stato valutato il migliore in gara e ha portato il titolo, quest'anno nelle mani di Palermo, all'ombra del Duomo di Santa Maria Assunta.

Immagine: Parma, piazza del Duomo. Ph. Il primo cittadino ha ricordato le altre finaliste emiliane a cui Parma è legata dall'associazione Destinazione turistica emilia e con cui i progetti continueranno.

Roma, Raggi: il miliardo di Calenda è una promessa pre-voto
Alla luce delle pratiche e delle parole della Raggi, secondo Calenda la stessa sindaca non avrebbe bisogno di aiuto. Lo annuncia il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda .

"La giuria ha voluto in particolare premiare l'alleanza tra pubblico e privato" che il presidente della commissione ha citato durante il suo discorso.

Da parte nostra, ci auguriamo adesso che avvenga la valorizzazione del patrimonio artistico e architettonico che trova nella Valle dei Templi, l'espressione più significativa non debba trascurare il centro storico della città che dovrebbe essere opportunamente rilanciato con politiche di rivitalizzazione e di restauro. Mentre per il 2019, le funzioni di Capitale Italiana della Cultura le farà Matera, che sarà Capitale Europea della Cultura 2019. "Eravamo partiti con un po' di scetticismo, ma questo è diventato un appuntamento importante, che ha reso possibile tante cose, soprattutto un percorso di crescita per la città che vince". Gli obiettivi della elezione a Capitale Italiana della Cultura sono quelli di "valorizzare i beni culturali e paesaggistici" e di "migliorare i servizi rivolti ai turisti".

Share