Capannelle, Carabinieri scoprono supermarket della droga: 3 arresti, sequestrate decine di dosi

Share

Trasportava sei kg di droga tra cocaina ed eroina. Sperava in questo modo di non destare alcun sospetto. I militari dell'Arma, notando il nervosismo dell'uomo, hanno deciso di approfondire i controlli e all'interno del vano di trasporto del furgone su cui viaggiava è stato trovato un pezzo meccanico. Questi ha risposto in modo piuttosto vago e impreciso, riferendo che doveva portare il pezzo in un non meglio precisato sfasciacarrozze per cercare dei pezzi di ricambio per ripristinarlo.

I militi espongono: "I militari sempre più insospettiti decidevano di spostare il pesante manufatto e così scoprivano che nascosto al di sotto del pezzo meccanico era stato abilmente ricavato un doppiofondo".

L'Isola dei Famosi 2018, un altro concorrente rischia di abbandonare il programma
La difesa semmai, secondo i magistrati, potrebbe depositare un verbale difensivo scritto con la testimonianza a cui è interessata. Men che meno si può attivare un'improbabile rogatoria internazionale per ascoltarla come testimone .

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Catania che hanno identificato e denunciato il datore di lavoro, un sessantaduenne di Biancavilla, già gravato da precedenti di polizia, poiché ritenuto responsabile di avere impiegato lavoratori extracomunitari privi del permesso di soggiorno, sottoponendoli a condizioni di sfruttamento, approfittando del loro stato di bisogno. "In particolare tre involucri, di colore verde, del peso complessivo di quasi tre chili e mezzo, erano di sostanza stupefacente del tipo cocaina, gli altri 5 imballi, di cellophane trasparente, contenevano invece complessivamente due chili e mezzo di eroina". A Correnti e Riina sono stati inflitti gli arresti domiciliari dopo la convalida del gip. La droga sarà sottoposta agli esami da parte del Ris di Messina per stabilire l'esatta composizione e la quantità e qualità del principio attivo presente. Il valore commerciale dello stupefacente sequestrato ammonta ad oltre 500 mila euro ed era potenzialmente in grado di soddisfare le esigenze del mercato dell'intera provincia peloritana per diverse settimane.

Share