Mantova cancella la cittadinanza onoraria a Mussolini: "Dittatore e liberticida"

Share

Come riporta La Gazzetta di Mantova, il dibattito prima del voto è durato 3 ore, in cui posizioni diverse e anche accuse personali si sono susseguite.

Il Consiglio comunale di Mantovaha revocato ieri sera la cittadinanza onoraria a BenitoMussolini conferitagli il 21 maggio 1924. "Mussolini era un dittatore e un liberticida" silegge nella mozione approvata.

Poi il tentativo, respinto, di Tonelli (Cinquestelle) di ottenere la votazione segreta su una delibera che "riguarda l'onorabilità di una persona seppur deceduta".

Medici senza frontiere: "Casi di abusi sessuali hanno riguardato anche noi"
Di queste, 40 sono state identificate - in seguito a un'indagine interna - come abusi o molestie, e 24 sono di natura sessuale. Medici senza frontiere precisa che la "nostra leadership è impegnata inequivocabilmente a combattere gli abusi".

L'opposizione ha risposto con una serie di interventi in cui veniva manifestato il no all'iniziativa della maggioranza, accusata di voler "cancellare la storia". Persino il presidente del consiglio comunale, Massimo Allegretti, che nel suo intervento aveva invitato i colleghi a non cancellare la cittadinanza ("sarebbe un gesto fuori tempo massimo perché la storia ha già emesso la sua sentenza di condanna"), alla fine ha deciso di non votare.

Contrario anche de Marchi di CasaPound che ha alzato la tensione: "Non accetto lezioni da un postino" ha detto rivolgendosi al presidente del Consiglio comunale che l'aveva richiamato all'ordine. L'unica cosa che si può dire è che è stato cancellato un errore di 90 e passa anni fa; ma era un errore "imposto" dalla situazione di allora.

Noi non difendiamo il regime perché il fascismo e la cittadinanza onoraria sono morti con Mussolini. Ci sono tante città italiane che hanno conferito la cittadinanza onoraria al Duce: solo alcune l'hanno revocata. Attualmente si sta discutendo sull'eventualità di revocare la cittadinanza al Duce in molti altri Comuni, come Pisa, Torino e Crema.

Share