Harry e Meghan, una carrozza e l'arcivescovo di Canterbury

Share

Il 19 maggio si svolgerà uno degli eventi più attesi dell'anno: il "Royal wedding" tra il principe Harry Windsor e Meghan Markle.

Si tratta della quarta tappa di un giro di visite nel Regno - dopo quelle a Nottingham (Midlands inglesi), a Brixton (sud di Londra) e a Cardiff (Galles) - avviato con l'annuncio del fidanzamento ufficiale a novembre e prima del matrimonio fissato per il 19 maggio nel castello di Windsor. La coppia è arrivata al castello di Edimburgo come da programma, accolta da una nutrita folla, che fin dalle prime ore della mattina si era accalcata lungo il percorso per guadagnare un posto in prima fila e salutare la futura nuova principessa. Una volta pronunciato il fatidico "sì", alle 13, il principe Harry e Meghan usciranno dalla cappella di Saint-George per un tour a bordo di una carrozza reale.

A officiare il rito nella cappella di St. George sarà il reverendo David Conner, decano di Windsor. Sarà una carrozza della scuderia reale a portare la coppia.

Furgone investe un pedone in piazza Davanzati a Firenze
Pare che a travolgerlo sia stato il conducente di un'auto modello Alfa 147 , che si è fermato per prestare soccorso. Sul posto i sanitari del 118, che hanno trasportato l'anziano all'ospedale Garibaldi.

"Essi sperano che questo breve tragitto dia l'opportunità a molta gente di radunarsi a Windsor e di gioire dell'atmosfera di questo loro giorno speciale", scrivono dall'ufficio stampa della residenza reale.

I novelli sposi parteciperanno poi a un pranzo con la famiglia reale, gli amici più cari e i rappresentanti delle organizzazioni di beneficenza a cui i due sono legati, per un totale di circa 300 persone. È in quest'occasione che saranno pronunciati i discorsi ed è qui che Meghan, rompendo la tradizione, dovrebbe prendere la parola di persona. Mentre Harry ha dovuto affrontare il caso Sarah Ferguson: a lui la zia, moglie divorziata del principe Andrea, sta pure simpatica, ma a Carlo e soprattutto a Filippo fa venire l'orticaria.

Share