Come funziona il sistema di Chrome per limitare le pubblicità invasive

Share

L'organizzazione, che conta tra i propri membri tutti i principali protagonisti della tecnologia, Google compresa, ha individuato 12 tipi di esperienze che secondo i ricercatori sono stati definiti disturbanti per gli utenti.

Il lavoro dell'ad-blocker di Google Chrome sarà "oscuro". Come riportato infatti dal Wall Street Journal, le buone intenzioni del gigante di Mountain View avrebbero tuttavia ben altre mire, assai più confacenti e afferenti al proprio business.

Il blocco in questione verrà evidenziato sul browser Desktop con un avviso simile a quello attuale dei pop-up mentre, lato mobile, con un messaggio in una barra inferiore dedicata alle informazioni: espandendo l'alert, sarà possibile anche disattivare tale blocco, autorizzando la visualizzazione dei banner bloccati. Le linee guida da rispettare sono quelle consigliate dalla Coalition for Better Ads. Il resto della pubblicità ritenuta non invasiva sarà invece intaccata. In soldoni, l'azienda americana attiverà oggi il suo personale ad-blocker su Chrome, così da bloccare automaticamente le inserzioni pubblicitarie ritenute più invadenti e ostacolanti una comoda e semplice fruizione della navigazione web. Per quanto riguarda il computer, non verranno più mostrate le pubblicità pop-up, ovvero quelle che occupano una parte dello schermo per un periodo di tempo prestabilito, gli annunci video con l'audio attivo in automatico e le pubblicità che non permettono di usufruire al meglio dei contenuti del sito web. Su smartphone le restrizioni saranno maggiori: oltre alle pubblicità popup e agli annunci video con l'audio attivo, verranno bloccate anche le pubblicità che si caricano prima di accedere al sito web, gli annunci troppo grandi che occupano gran parte dello schermo e le pubblicità con animazioni troppo evidenti e che distolgono l'attenzione.

Ghoulam furibondo: 'Ricevute minacce, hanno inventato una cosa tremenda su me'
Scaramanzia sulla parola scudetto? Scudetto? Questa è una parola che non pronunciamo qui a Napoli perché sono superstiziosi. Per lui Napoli è stata una scelta eccellente , presto diventerà uno dei migliori giovani in Italia e in Europa .

Ad ogni modo, lo staff di Mountain View spiega chiaramente il meccanismo del nuovo sistema, sottolineando che i modelli si basano su un filtro pubblico EasyList che include le proprie piattaforme AdSense e DoubleClick: "A livello tecnico, quando un utente Chrome naviga in una pagina, il filtro degli annunci di Chrome controlla prima se la stessa appartiene a un sito che non rispetta gli standard Better Ads". Dopo aver ricevuto il primo avviso si avranno trenta giorni di tempo per sistemare il problema.

Quando si verificherà il blocco di un annuncio, Chrome mostrerà all'utente un messaggio ma anche una opzione per disabilitare l'impostazione tramite il tasto "consenti annunci su questo sito".

Share