Ancona, morto per un tumore l'uomo che investì il ciclista Scarponi

Share

Nei mesi scorsi a Giacconi era stato diagnosticato un tumore che tuttavia ha preferito non affrontare con l'energia necessaria lasciandosi morire. Dopo l'incidente Giacconi, che ha sempre sostenuto di non aver visto arrivare Scarponi, non si era più dato pace. A nulla erano valse le manifestazioni di solidarietà nei suoi confronti da parte del sindaco e del cardinale di Ancona, Edoardo Menichelli, che il giorno del funerale di "Scarpa" aveva cercato di consolarlo invitando tutti alla preghiera per lui che stava portando un simile peso nel cuore. "No, non ci sono altre parole, se non abbracciare e aiutare la sua splendida famiglia". Ma non ha più avuto la forza di reagire e ha deciso di lasciarsi andare definitivamente.

Cede una strada: auto inghiottite dalla voragine, evacuati due palazzi
I tecnici dei pompieri stanno controllando anche le palazzine circostanti per verificare che non ci siano lesioni agli immobili . Le prime avvisaglie del crollo si sono avute dal cedimento delle colonne di contenimento del cantiere adiacente.

Con il decesso dell'unico indagato, inoltre, si estinguerà automaticamente anche il processo penale per omicidio stradale aperto dopo la morte del ciclista italiano. Michele, però, non ha fatto i conti con una tragica fatalità, che si materializza mentre esce da un tornante in via dell'Industria, in periferia: un Fiat Iveco lo investe in pieno. Sono andato al funerale e forse solo allora mi sono reso davvero conto di che cosa fosse successo. Spiegazione che continuerà poi a ripetere anche nel corso dei mesi successivi. L'artigiano verrà sepolto nel cimitero di Filottrano a pochi metri dalla tomba del suo beniamino. Di certo la scomparsa di colui che mise fine alla carriera del grande campione delle due ruote per la disperazione della moglie e dei due gemellini (e come dimenticare il pappagallo Frank che lo accompagnava negli allenamenti e che ancora oggi staziona all'incrocio di una strada con la speranza di rivedere pedalare il suo padrone) è una storia di quelle che fanno riflettere e che lasciano tanti interrogativi.

Share