Diritti tv, Sky assicura: ''Non perderemo la Serie A''

Share

"Dopo mesi di aste-flop sono comprensibili le espressioni pittoresche, anche se poco aderenti alla realtà dei fatti". La conoscenza di Sky di questo mercato ha fatto sempre prendere decisioni molto razionali. "Ricordiamo che il calcio italiano è ancora basato pressoché esclusivamente sui diritti tv che da soli non sorreggono più il sistema".

Siamo felici che BT e Sky continuino ad impegnarsi con la Premier League, sono partner fantastici e migliorano l'offerta complessiva del nostro calcio. E noi, onestamente, non intendiamo commettere gli stessi errori.

Tramite le parole di Riccardo Pugnalin, Executive Vice President Communication & Public Affairs, Sky ha voluto rassicurare i propri clienti in merito alla suddetta vicenda. Siamo comunque contenti che un investitore straniero abbia deciso di puntare sul campionato italiano. E a quel punto potrebbe intervenire nuovamente la nostra azienda. Mediapro ha infatti l'obbligo giuridico di rivendere i diritti televisivi ai broadcaster che operano sul mercato, finora Mediaset (anche se il progetto Premium è in revisione, come dichiarato da Piersilvio Berlusconi) e Sky.

In che senso "se" verranno aggiudicati?

Mediapro - "La Lega Serie A ha ritenuto congrua l'offerta di Mediapro ma prima di aggiudicare ha sottoposto quell'offerta all'esame e alla autorizzazione delle Autorità di garanzia".

Sudafrica, il partito del presidente Zuma lo rimuove dall'incarico
Questo è il motivo per cui Zuma non ha ancora presentato le sue dimissioni al relatore dell'Assemblea nazionale, Baleka Mbete. Nelle prossime ore il partito deciderà se sfiduciare in parlamento Zuma .

Negli ultimi giorni, ha suscitato un certo scalpore, com'era inevitabile che fosse, la cessione dei diritti tv della Serie A, da parte della Lega, a MediaPro, il gruppo audiovisivo spagnolo più potente del panorama spagnolo. Anche a Sky. E secondo procedure eque, trasparenti e non discriminatorie. "Infine Mediapro dovrà presentare le adeguate garanzie finanziarie come da regolamento del bando stesso". "Mediapro è un broker di diritti". Ci aspettiamo un terzo bando: gli spagnoli dovranno rivolgersi ai broadcaster. Alla fine probabilmente si tornerà al punto di partenza, ovvero Sky.

E quale proposta vi aspettate da Mediapro?

"Ben vengano i nuovi operatori, anche se fino adesso non si sono visti, li abbiamo sempre sentiti evocare ma non si sono mai palesati". La legge Melandri-Gentiloni non prevede la discriminazione tra le diverse piattaforme.

Diritti tv Serie A, Pugnalin: "Sky farebbe tariffe più bassi, ma". Però pongo un quesito: "se Mediapro investirà oltre un miliardo di euro, più di quanto da noi offerto, come potranno costare di meno gli abbonamenti alle partite?".

Esiste la possibilità che Sky rimanga senza la Serie A? C'è un piano B in azienda? Molti operatori, sia italiani che stranieri, si sono inseriti nel business delle pay tv ma hanno raccolto frutti negativi. "Siamo sicuri che i nostri abbonati continueranno a vedere le partite della Serie A su Sky".

Share