Grasso: 'Tetto stipendi a Consiglio Senato'

Share

Così il leader di LeU, Pietro Grasso, in conferenza stampa a Palazzo dei Normanni. "È vero che con la cultura si mangia ma ci vuole un piano perché l'acqua non manchi".

E' stata questa un'occasione per il leader di Liberi e Uguali di approfondire ancora una volta i temi caldi della campagna elettorale che sta portando avanti: "Non abbiamo timori di partiti - ha affermato Grasso - portiamo avanti le nostre idee, i nostri valori, i nostri principi che sono la priorità del lavoro, della sanità, del diritto allo studio, dell'ambiente, di una economia circolare".

L'Inter batte il Bologna: Spalletti loda Karamoh e "punge" Brozovic
Ma non perché lo punisco, ma perché lui non sta dentro i comportamenti definiti dal gruppo. Magari è un po' nervosetto, ha voluto dire "io vi applaudo visto che mi fischiate".

Costituzionale sulla base di eventuali e rinnovate esigenze. "Certo adottare questo provvedimento a Camere sciolte è irrituale, ma penso che il Consiglio di presidenza del Senato, così come quello della Camera, possano valutare le reintroduzione dei tetti".

"Ho sempre detto che il M5S è in una fase di mutazione genetica e tende a rassicurare chiunque". "Puntiamo anche su quella parte di elettori del Movimento cinque stelle di sinistra che, indignati, hanno aderito alla protesta votando però per il M5S". Oggi tocca a Grasso controreplicare ricordando la sua attività di procuratore di Palermo. "Si è tentato di creare un dialogo, Pisapia ci ha messo un anno e poi addirittura ha abbandonato la politica" ha spiegato Grasso aggiungendo: "Noi abbiamo un progetto di sinistra confidiamo nei delusi dal Pd e nei tanti caduti nell'indifferenza e nella rassegnazione".

Share