Bis di Moreno Moser nel 55esimo Trofeo Laigueglia

Share

Mercoledì mattina alle 11.00 al Concorde di Arona presentazione della Androni Sidermec 2018 che tornerà a correre il Giro d'Italia e che vedrà Giampaolo Cheula confermatissimo tra i DS, proprio il crodese domeni guiderà la squadra nel Trofeo Laugueglia, apertura del calendario italiano. Si forma così un gruppetto di inseguitori formato da diversi uomini della Androni - Sidermec - Bottecchia e della AG2R La Mondiale, che in pochi minuti riprende El Fares. Si corre con partenza e arrivo a Laigueglia, percorso di 203 Km e da scalare la salita di Vendone (attraverso Arnasco), il Colle di Paravenna, il Testico ( da sempre emblema della corsa) ed i quattro passaggi sullo strappo di Colla Micheri nel circuito finale. Dietro non c'è organizzazione nonostante il vantaggio non sia incolmabile.

Il trentino ha gareggiato per i colori della Nazionale italiana, che ha così bissato il successo dello scorso anno con l'altro azzurro Fabio Felline.

Maradona: "Icardi vergognoso. Benedetto 10 volte meglio"
Poi la conclusione: " Tevez merita il Mondiale in Russia senza ombra di dubbio, non c'è nulla di meglio. Ma il Pipita e Benedetto meritano assolutamente una nuova chance".

"E poi comincia lo show di Moreno Moser, che scatta sull'ultima salita verso Colla Micheri, scollina con 12" di vantaggio sui primi inseguitori e prosegue a spron battuto in discesa, dove guadagna ulteriormente. Questi corridori si vanno quindi a giocare la vittoria.

A 43" di distanza il marchigiano Paolo Totò ha vinto la volata per la seconda posizione conquistando il risultato più prestigioso della sua carriera: "il 27enne della Sangemini-Mg.Kvis era già stato terzo al Memorial Pantani 2016 e quarto al Trofeo Matteotti 2017, ora per la prima volta è riuscito a salire sul podio in una corsa di categoria 1.HC. Al via squadre importanti come la Bardiani-Csf, la Wilier-Selle Italia, l'Androni-Sidermec e la Nippo-Vini Fantini, oltre la squadra nazionale italiana, che alla fine ha recitato un ruolo da assoluta protagonista nella corsa laiguegliese. Tutto straniero il resto della top10 dell'ordine d'arrivo con il danese Kasper Asgreen, il francese Romain Combaud, lo svizzero Roland Thalmann ed il belga Ben Hermans ad occupare le posizioni dalla sesta alla nona.

Share