Roma-Benevento, i convocati di Di Francesco: doppio recupero

Share

A volte è capitato di tirare in faccia al portiere, di far uscire di poco il pallone o di prendere il pallo. Non importa come, anche in modo casuale.

"Se lo dice Terim (ride, ndr.)". Under è un attaccante e non dobbiamo inventarci altro. Data anche l'assenza di Cataldi in mediana, per un problema muscolare, mister De Zerbi potrebbe scegliere anche di schierarsi specularmente alla Roma di Di Francesco con un 4-2-3-1, che vedrebbe l'avanzata di Djuricic sulla linea delle tre mezze punte, che agirebbero dietro Coda.

Secondo me parlarne adesso lascia il tempo che trova. Era uno degli obiettivi primari e dobbiamo ambire a questo.

Poi è arrivato un lungo autunno che si è pian piano trasformato in inverno, una stagione complicata che le prestazioni sempre coraggiose e tatticamente imprescindibili del bosniaco non hanno saputo nascondere. "Ora parlare di qualcosa in più del terzo posto è difficile". Dobbiamo cercare di fare il massimo gara dopo gara. Del resto, se i bomber della Serie A lasciassero il segno in tutte le partite avremmo medie gol degne di Messi e Ronaldo. Con gli scontri diretti si può rimettere tutto in gioco. Noi puntiamo alla Champions, sicuramente.

Gonalons. "Difficilmente giocheràdomani, lo ritroverò per la prima di Champions con lo Shakhtar. Si allena benissimo e ritroverà il gol perché ne abbiamo davvero bisogno".

Napoli, allenamento in vista della Lazio: differenziato per Mertens, Albiol e Callejon
Il folletto belga anche oggi si è allenato a parte, lontano dai compagni che hanno sostenuto l'impegnativa seduta del giovedì. In pre-allarme Christian Maggio , indiziato numero uno alla sostituzione dell'albanese se Hysaj non dovesse farcela.

Il match con il Benevento profuma di ghiotta occasione per invertire tale trend, ma bisognerà mantenere alta la concentrazione e l'attenzione per non incappare in una serata maledettamente storta. Ha le caratteristiche per poterlo fare, ma non solo lui. Oggi deciderò chi sarà l'interprete in quel ruolo, magari con compiti diversi rispetto a quelli che ha avuto Nainggolan a Verona.

Fazio regista. "Ma volete farmi sbagliare per forza. Fazio sta bene dove sta, ossia in difesa". Anzi, lo vedo meglio come attaccante. Nel caso in cui non dovesse farcela, Defrel sarà la punta con il trio di trequartisti Under-Perotti-El Shaarawy, altrimenti con Dzeko in campo Perotti dovrebbe accomodarsi in panchina in favore di Defrel. Diego ha fatto anche il falso nueve, è abituato a giocare in zona centrale. "In questo senso abbiamo lavorato tutta la settimana".

"Errori grossolani come quello di Bruno Peres non si devono più ripetere". La differenza è che Radja è visto in un modo e Bruno in un altro.

"Per poter crescere e migliorare dobbiamo seguire un'unica direzione quindi, insieme alla società, e come accaduto con Nainggolan, abbiamo deciso di multarlo ed escluderlo dai convocati". Per dare una mentalità si passa anche attraverso questi episodi. Mi auguro che sia l'ultimo, dico solo questo.

Share