M5s: spese pazze, rimborsopoli e case al Colosseo. Francescani dove?

Share

Sono queste le "ricette" che il candidato premier del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio illustra al mondo produttivo calabrese nel corso del suo tour d'esordio nella nostra regione. A loro Di Maio espone il programma dei pentastellati, fondato su misure come reddito di cittadinanza, microcredito, e poi sull'abbattimento delle tasse, sulla semplificazione amministrativa e sulla drastica riduzione delle norme che appesantiscono il sistema e fanno passare la voglia di investire.

"Sulle infrastrutture propongo di fare una diretta Facebook con Delrio". Per questo vogliamo abolire 400 leggi inutili che stanno rendendo la vita un inferno agli imprenditori, agli agricoltori, ai pescatori, agli artigiani.

Lamezia Terme - "La Calabria la difendiamo in Europa, non solo a Roma". "E' per questo che dobbiamo cominciare a esserci con un governo forte, che non sia servo dei poteri forti ma al servizio dei cittadini italiani". Perciò, ammette indirettamente, che i controlli per cinque anni sono stati assai blandi e vengono minacciati solo ora che le Iene (trasmissione Mediaset) ha scoperto il giochetto dei bonifici fatti solo a parole e le liste sono chiuse e quindi Cecconi e Martelli verranno rieletti in quanto capilista anche se pizzicati a non versare la loro quota parte di stipendio. "In questi anni - rileva il leader del M5S - ci hanno tagliato pensioni, sanità e istruzione perché dicevano che dovevano ridurre il debito pubblico, e invece il debito pubblico è rimasto lì". "Mettiamo una bella cartina dell'Italia e facciamo vedere sulle infrastrutture tutto quello che si è fatto, saremo noiosi ma faremo vedere tutto quelli che si è fatto e si sta facendo".

Sanremo 2018, Rosa Trio star dei social: migliaia i followers su Instagram
Nel corso dell'intervista, la conduttrice parla di Sanremo 2018 e dei suoi compagni di viaggio: "Claudio è un amico, si è creato un rapporto speciale, da compagni".

Apertura ad eventuali proposte ed alleanze: "Se volessero proporci qualche tema nella prossima legislatura noi saremmo disponibili". Noi - osserva Di Maio - non lasceremo l'Italia nel caos.

Di Maio però dice che "è ridicolo che si parli di caso quando il vero caso è che c'è un'unica forza politica in Italia che taglia gli stipendi ai propri parlamentari e li investe in forme di lavoro per chi non ha lavoro".

Share