Le pagelle della Juve - Gol dell'ex per Bernardeschi, Buffon provvidenziale

Share

0-2, min.86, G. Higuain.

Alla ripresa i bianconeri fanno tesoro di una prima frazione di sofferenza trovando il vantaggio con Bernardeschi, fresco ex della partita che non rinuncia a un'esultanza liberatoria. Per il resto, si e' vista una buona e volitiva Fiorentina e la solita Juve, non splendente ma efficace, tornata al momento al comando della classifica.

Federico BERNARDESCHI - Primo tempo abulico, si nasconde, non prova mai la giocata. La gara si anima al 19': la Juventus perde palla ingenuamente, per due volte, al limite dell'area e Benassi riesce a crossare ma Chiellini intercetta col braccio e per l'arbitro Guida è calcio di rigore.

FIORENTINA (4-3-3): Sportiello; Milenkovic, Pezzella, Astori, Biraghi; Benassi (34′ st Eysseric), Badelj, Veretout; Gil Dias (22′ st Thereau), Simeone, Chiesa.

Intercettato drone iraniano, Israele risponde e attacca
In risposta alla "provocazione", ha fatto sapere l'Esercito, sono stati attaccatti obiettivi iraniani in Siria . Conricus ha spiegato che la contraerea siriana ha colpito intensamente e un F-16 si è schiantato in Israele .

Fatto sta che Veretout per quattro giri d'orologio sosta sul dischetto ma poi, tra le facce un po' storte di Buffon e un Pjanic che quasi in ammutinamento sosta in mezzo all'area di rigore per diverso tempo, tutto si "resetta" e si riparte da 0-0.

Obiettivo delle sue ire era il direttore di gara Marco Guida, reo a suo dire di non esser andato a controllare di persona il video del Var in occasione del rigore prima concesso e poi revocato ai suoi ragazzi al 18′. Fuori Thereau nel tridente iniziale e dentro Gil Dias che affiancherà Simeone e Chiesa.

Firenze. Nonostante il risultato negativo, Stefano Pioli applaude la sua squadra: "Il nostro obiettivo è quello di porre delle basi per il futuro. Sono molto contento per Bernardeschi, mi aspettavo che stasera facesse qualcosa di importante".

Ripresa che inizia da dove ci eravamo lasciati, con la Fiorentina a spingere, la Juve a difendersi. I ritmi sono ora forsennati e Pioli continua a spingere i suoi alla ricerca del gol, ma in contropiede la compagine campione d'Italia ha ampie praterie per ripartire e con l'inserimento di Douglas Costa Allegri dà un chiaro segnale ai suoi: proprio da un'azione del neoentrato ex Bayern Monaco, Higuaín va alla conclusione di prima intenzione deviata però da un difensore. La Fiorentina non molla ma la Juve controlla. Marchisio è in pole position per sostituire l'infortunato Matuidi nel centrocampo a tre di Allegri: contro la Fiorentina il tecnico non dovrebbe modificare lo schieramento, affidandosi al 4-3-3 che ha regalato equilibrio ai bianconeri.

Share