Salvini (Lega): "Se al governo, chiuderemo tutti i centri islamici"

Share

"Con la Lega al Governo tutti i centri culturali islamici verranno chiusi, specialmente se alterano i principi fondamentali come legalità e trasparenza": a dirlo è il segretario Matteo Salvini, in una nota diffusa dalla Lega Umbria. Ricordiamo che se oggi il fenomeno dell'immigrazione è fuori controllo, la responsabilità principale è di una legge, la Bossi-Fini, che ha come primo firmatario il fondatore del partito che Salvini guida: il candidato premier della Lega si dimentica sempre di specificarlo. "Ci sono queste regioni, tra le più belle in Italia, che sono massacrate dal centrosinistra". Per concludere: "Gli italiani sono stanchi di essere presi in giro da chi pensa di governarli con la paura, invece che con soluzioni concrete e innovative per i problemi più urgenti del Paese: lavoro, lotta alle diseguaglianze, salute e istruzione".

Andrea Cecconi: lo strano caso del candidato M5S scomparso
Voglio solo precisare che non c'è nessuna legge che ci obbliga a dimezzarci lo stipendio, quindi tutto quello che facciamo è su base volontaria.

In mattinata Salvini ha visitato Umbertide, in provincia di Perugia, dove è in costruzione da anni un centro culturale islamico oggetto di polemiche e scontri politici. Anzi, "che l'Islam rappresenti un rischio è evidente, se la dichiarazione islamica dei diritti dell'uomo prevede che la giustizia islamica prevalga sulla giustizia nazionale per me è un problema". E ancora, per Salvini, "se riduciamo la tasse su famiglie e imprese sarebbe opportuno che una parte degli utili di impresa fosse reinvestito in formazione e per la tutela della salute dei lavoratori e per la protezione del territorio". "Noi - ha aggiunto - presentiamo chiarezza e faremo in modo che quel terreno torni ai suoi reali destinatari, ossia le associazioni che operano nel sociale". C'è scritto che la donna vale meno dell'uomo, che la libertà di parola e pensiero è limitata da quello che c'è scritto nel Corano.

Share