Elezioni 4 marzo 2018, Renzi: concordo con Berlusconi, mai più larghe intese

Share

"Comunque - aggiunge la Meloni - la manifestazione fratelli d'Italia la farà: il 18 febbraio tutti i nostri candidati al Parlamento saranno a Roma, perche' la questione non riguarda i leader: riguarda anche i singoli parlamentari che si devono impegnare di fronte al popolo italiano".

"Abbiamo scelto questa piazza - ha iniziato il consigliere regionale e candidato alla Camera Giovanni Donzelli - perché è il simbolo del potere renziano e della sua ignoranza e anche della sua incapacità considerando il suo erede Nardella". "E' passato dal centrodestra al centrosinistra con grande facilità - ha detto Donzelli -, fiorentini tenete presente che è molto più vicina a chi è dalla parte dei deboli una persona come Letizia Giorgianni che uno dei leader del Pdl fiorentino all'epoca di Denis Verdini". Si dovrebbe chiamare partito socialdemocratico.

Genovese 71enne trovata morta dal figlio coi polsi legati: è giallo
E' stato proprio quest'ultimo ad aprire un fascicolo d'indagine utile a far luce sulle cause della morte dell'anziana. E' successo questa sera in una frazione di Arquata Scrivia ( Alessandria ), tra il Piemonte e la Liguria.

Non vediamo però una proposta reale, la sensazione è quella che le forze politiche in campo continuino a guardare il Sud come mero bacino di voti: un territorio dove raccogliere ma non seminare, semmai dare il contentino con il consueto assistenzialismo che altro non fa che impedire lo sviluppo sano dell'area e ingrassare soltanto le vecchie classi di imprenditori locali. Fratelli d'Italia al Governo metterà la parola fine a questo far west: "se ai giudici non sembrano abbastanza chiare le leggi italiane, scriveremo nella Costituzione che un bambino ha diritto ad avere un padre e una madre".

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si trovano già sulla stessa lunghezza d'onda ancor prima delle elezioni del 4 marzo 2018.

Share