De Laurentiis: "Verdi e Politano, vi spiego tutto. Volevo buttare…"

Share

Non ha le qualità di Verdi e non può ricoprire i tre ruoli. Sull'attaccante del Bologna invece mastica amaro: "Sono rimasto deluso, perché Verdi mi aveva detto di sì". Alle 22.48 facciamo arrivare nelle mani di Carnevali il contratto, ma lui dice che ha le linee mail occupate.

La Juve, già dotata di un parco giocatori di eccellente valore qualitativo e quantitativo, ( per quanto i recenti infortuni, prima di Dybala e Quadrado, poi di Bernardeschi e Douglas Costa abbiano ridotto al minimo la disponibilità di "esterni"), non avendo necessità di finalizzare acquisti nell'immediato, si è limitata ad attuare qualche azione di disturbo nei confronti della diretta antagonista al titolo, inserendosi nella trattativa tra il Napoli ed il Sassuolo per la cessione di Politano.

Ma le strategie di mercato del club di Fuorigrotta sono tutte clamorosamente naufragate in uno sconfortante nulla di fatto, che ha concretamente scalfito l'immagine e la credibilità dell'ambiente. La sensazione circolante è che il Napoli abbia sbagliato un po' i tempi di questo mercato, e anche per il romanista avrebbe dovuto muoversi prima, di modo da lasciare alla stessa Lupa il tempo di trovare un sostituto. La telenovela si è conclusa infatti a reti unificate e il presidente della squadra prima in classifica ne è uscito con le ossa rotte, sotto gli occhi di tutto il calcio italiano, dando involontariamente la sgradevole sensazione di essersi fatto quasi prendere in giro.

Elezioni, Matteo Renzi presenta il programma del Pd: "100% realizzabile"
Per la candidata Carla Cantone, ex sindacalista Cgil, "si deve fare di tutto perché il Pd diventi il primo partito". E sulla campagna elettorale dei Cinquestelle dice: "È un dibattito inutile".

Così il presidente partenopeo: "Con Politano è stato un po' come giocare a poker: dopo aver passato varie mani, ci si sente in dovere di puntare per qualcosa". Se è un mercato di riparazione, io cosa devo riparare? L'ho scelto io e per me può anche rimanere a vita.

Una situazione quasi paradossale per chi ricopre il ruolo di capolista della Serie A e per la quale ci dovrebbe essere la fila in caso di chiamata. Il nostro era a posto mentre quello di Ounas che ci ha rispedito il Sassuolo era incompleto. Poi ha parlato anche del suo Napoli, della lotta Scudetto e del contratto di Sarri. "Avremo un incontro il 9 febbraio e io proverò ad eliminare la clausola rescissoria".

Share