WhatsApp: rischio sicurezza per falla nei gruppi di conversazione, allarme rientrato?

Share

Sì, perché dopo tutte le truffe che hanno fatto il giro del mondo, usando proprio l'app di messaggistica istantanea dall'icona verde, finalmente arriva una novità che permette agli utenti partecipanti ad un gruppo di facilitare la lettura dei messaggi nelle #chat con più persone. Secondo quanto annunciato dall'azienda, l'app dovrebbe essere (almeno inizialmente) gratuita per tutte le PMI. Il funzionamento è piuttosto semplice.

Stressanti, rumorosi, invadenti, riempiono di notifiche a cui il più delle volte non siamo interessati.

NAPOLI- Sono un tormentone che purtroppo ciclicamente si ripete, anche perché sembra che non si fermino mai per l'affidamento che gli utenti della rete scarsamente informati continuano a riporre.

Baby gang a Napoli, è allarme rosso. Vertice d'emergenza col ministro Minniti
Il ragazzo, con i due cugini, si stava recando a Qualiano per incontrare altri amici quando il branco è entrato in azione. L' episodio è accaduto ieri sera all'esterno della metropolitana di Chiaiano , alla periferia del capoluogo partenopeo.

Profile Tracker WhatsApp è disponibile solo sul Play Store, per utenti Android dunque. Ovviamente non si è esenti dalla notifica dell'atto, dato che nel momento in cui decide di cancellare un messaggio il destinatario riceverà Comunque la notifica di avvenuta cancellazione del messaggio.

Avete mandato un Whatsapp di cui vi siete pentiti? Quando il profilo è stato confermato, invece, apparirà un segno di spunta grigio, mentre l'account verificato sarà contrassegnato con un segno di spunta verde.

MENTRE si prepara a lanciare - o ha già lanciato - nuove funzionalità come la preview dell'audiomessaggio e il salvataggio automatico delle note vocali quando si riceve una telefonata, WhatsApp affronta una grossa falla di sicurezza individuata dalla società di ricerca Clearly. Ancora non è chiaro cosa comporti effettivamente questa fase di verifica supplementare, né se questo livello superiore sarà riservato ai conti aziendali che stanno pagando, magari, una tassa per utilizzare gli strumenti di WhatsApp. Anche la Polizia Postale nelle scorse ore ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook "Commissariato di PS On Line - Italia" con il quale ha ricordato testualmente "FAKE.La solita Catena di S. Antonio".

Share