Siena celebra la Festa di Sant'Antonio Abate

Share

Seguirà una degustazione di piatti a base di maiale, a cura della delegazione isernina della FIC (Federazione Italiana Cuochi).

Tutto è pronto nel Centro Storico di Trebisacce per celebrare la tradizionale festa di Sant'Antonio Abate, uno dei più illustri eremiti della storia della Chiesa, fondatore del monachesimo cristiano e protettore degli animali, tanto è vero che nella notte del 17 gennaio in cui ricorre la sua festa, secondo un'antica leggenda agli animali veniva concessa la facoltà di parlare.

Zoo svedese ha soppresso nove cuccioli di leone perché erano un "surplus"
Uno zoo svedese ha deciso di sopprimere nove cuccioli di leone , destando una polemica a livello internazionale. Solo due dei 13 cuccioli , nati da tre cucciolate separate, sono sopravvissuti negli ultimi cinque anni.

Inoltre, in Abruzzo e nella provincia di Teramo, sempre per festeggiare Sant'Antonio Abate vengono preparati i tradizionali Cillitte di Sand'Andonie (Gli uccelletti di Sant'Antonio), che sono offerti ai sandandonijre che girano di casa in casa intonando canti di questua, dove sono rievocati episodi leggendari della vita del Santo e delle sue battaglie con il demonio ed è implorata la sua protezione sulla famiglia nonché sui suoi beni e i suoi animali. La giornata prosegue con la santa messa delle 7.00, e alle 14.00 si terrà la benedizione degli animali e dei mezzi agricoli in Piazza Ara dei Santi.

Il 17 gennaio, festa liturgica di S. Antonio abate sono previste S. messe alle ore 8.00 e alle ore 18,30. Quest'anno il 17 sarà allestito il fucarone e poi ci sarà la benedizione del parroco, il taglio del nastro e l'incendio delle fascine che daranno il via al Carnevale e alla serata: diversi i punti di Saviano che saranno illuminati dalle alte fiamme in onore di Sant'Antonio. "Ringrazio Don Giovanni Amodio - ha dichiarato Tonio Palmisano - e tutti coloro che si stanno adoperando per l'ottimale riuscita di questa festa che dobbiamo mantenere viva e migliorare anno dopo anno". La benedizione degli animali, in particolare dei maiali ha origine medievale, come l'iconografia del Santo, che viene raffigurato con accanto un maialino che reca al collo una campanella. L'intensa settimana si chiuderà alle 19 con la "Cena di S.Antonio" e la tradizionale tombolata in Sala Polivalente.

Share