Sci, tris azzurro nella discesa di Bad

Share

Tra Bad Kleinkirchheim e Dresda l'Italia conquista vittorie e podi grazie alla tripletta firmata da Sofia Goggia, Federica Brignone e Nadia Fanchini nella discesa femminile (sci alpino in Austria) e nel team sprint guidato da Federico Pellegrino e Dietmar Nockler (sci di fondo in Germania). Niente da fare anche per Lara Gut a più di 2 secondi (+2.13), ma poi Nadia Fanchini ha dato la zampata giusta, commettendo un errore di linea, ma finendo al terzo posto con 1.45.

Per Federica una grande iniezione di fiducia in vista delle Olimpiadi di febbraio in Corea del sud, un successo arrivato sulla pista intitolata a Franz Klammer, leggenda della velocità del circo bianco, nel parterre come spettatore del superG su uno dei tracciati più duri del circo rosa. Ma era stata proprio Elena a chiederglielo: "Fai la gara anche per me".

Incendio all'inceneritore di Forlì: quattro squadre dei Vigili del Fuoco per estinguerlo
Notte di fuoco, è proprio il caso di dire, per i vigili del fuoco del distaccamento di corso Argentina, a Licata. Nel 2017 sono stati 684 (nel 2016 sono stati 634) e fra questi, purtroppo, spiccano gli incendi.

Sentivo qualcosa di diverso nella mia sciata, con la gara accorciata pensavo che i distacchi fossero inferiori invece è una giornata pazzesca. "Erano passati vent'anni dalla ultima tripletta, mentre ora sono passati pochi mesi, ciò significa che non ci fermiamo mai", conclude l'azzurra protagonista della storica tripletta.

FEDERICA BRIGNONE: "Sono molto felice per questo risultato. Questa mattina ho avuto fortuna perché hanno tolto il piano iniziale". Non è stato facile per me che vengo da una serie di infortuni ed operazioni alle ginocchia e per quello che sta succedendo a mia sorella Elena. Per la Brignone è il 22° podio in carriera, per la Fanchini il 13°, il primo dopo quasi due anni. E le azzurre non vogliono certo fermarsi.

Share