Avellino, la Mobile arresta un 25enne: spacciava hashish e marijuana

Share

L'accusa è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Si tratta di Massimo Altieri, disoccupato di 38 anni, di Palermo; Francesco Catania, meccanico di 34 anni, residente a Siculiana; Giuseppe Chiappara, disoccupato di 31 anni, di Palermo; Salvatore Garofalo, disoccupato di 33 anni, di Palermo; Luca Siracusa, disoccupato quarantenne, di Agrigento e Danilo Terrasi, disoccupato ventiduenne di Agrigento.

Roma, Alisson sulle voci di mercato: "Quest'anno voglio fare bene alla Roma"
Le squadre concorrenti sono tante e, tra queste, ci sarebbe anche la Lazio . Di seguito le sue parole: "Il campionato quest'anno è molto equilibrato".

Sono stati ben 4 gli interventi da parte della Guardia di Finanza nella notte tra il 10 e l'11 gennaio, supportati dalle unità cinofile "Donny e Ulla", a contrasto del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti tra Rimini e Riccione. Il fascicolo d'inchiesta è coordinato dal sostituto procuratore Alessandra Russo.

Tutto si è sviluppato in via Dinoloco, zona sottostante la stazione centrale del capoluogo ed ha avuto origine per l'incauto parcheggio di due auto che rendevano difficoltosa la circolazione veicolare ed in particolare l'auto (civetta) dei carabinieri. E' scattato l'accurato controllo. Durante una perquisizione domiciliare i militari hanno trovato un etto di hashish, un bilancino elettronico e materiale per il taglio e per il confezionamento della droga. Un atteggiamento che non è passato inosservato ai carabinieri e che anzi li ha insospettiti. "Appare verosimile - dicono i carabinieri - che uno degli indagati, alla vista dei militari, abbia cercato di liberarsene gettandoli dal balcone dell'abitazione". Lo stupefacente sequestrato sarebbe stato destinato agli assuntori della città e avrebbe fruttato nella vendita al dettaglio circa 2.000 euro. Negli ultimi tre mesi, sono stati numerosi i blitz effettuati e numerosi i pusher arrestati. Ma è stata sequestrata anche della pericolosa cocaina e, ultimamente, pure eroina.

Share