Il latitante Ronga di Sant'Antimo arrestato a Formia dopo conflitto a fuoco

Share

Questa sera però i militari, dopo aver valutato gli spostamenti dell'uomo Filippo R., 41 anni, latitante, latitante dal 2013 appartenente al clan camorristico Ranucci, hanno deciso di agire, così dopo averlo chiamato per nome, lo stesso ha capito quello che stava succedendo e ha provato immediatamente a fuggire estraendo un arma in suo possesso e sparando in direzione dei militari.

Ronga è stato intercettato dai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Giugliano in Campania (Napoli) in piazza Sant'Erasmo.

L'episodio è avvenuto intorno alle 21.

Genova, crolla il controsoffitto di un centro d'accoglienza: 7 migranti feriti
I Vigili del fuoco della sede centrale sono intervenuti in Via Sampierdarena 40 per il crollo di un controsoffitto . Il centro è stato posto sotto sequestro dalla procura per agevolare le indagini sulle cause del crollo .

Vistosi scoperto dai militari il latitante, accompagnato da un uomo e una donna, ha dapprima tentato di opporre resistenza, poi ha estratto una pistola, risultata successivamente con matricola abrasa, carica e con il colpo in canna, puntandola contro uno dei carabinieri. Fermate dai carabinieri anche le altre due persone che si trovavano con lui a Formia.

L'intervento presso l'ospedale formiano è terminato a tarda ora, con il latitante partenopeo ferito che è stato preso in carico dall'equipe chirurgica composta dai dottori Viola e Canfora, con il supporto dell'anestesista dottoressa Colicci e del personale della sala operatoria del nosocomio. Nei confronti del 42enne erano state emesse due ordinanze di custodia cautelare e deve scontare venti anni di carcere.

Share