Cagliari, Castan: "Mi sento pronto, sono a disposizione del mister"

Share

Castan dichiara a Mediaset: "Sono molto contento di essere qui e spero di fare bene". L'obiettivo? Combattere e contribuire a raggiungere i traguardi del club. I primi contatti risalgono ad una settimana fa, quando mi hanno contattato ho detto subito sì. "Anche Radja Nainggolan mi ha detto di venire in rossoblù". Questa cosa mi piace molto. "Sono carico, mi sento benissimo". "Ora però sono a Cagliari e punto a giocare il più possibile, anche per i miei figli che vogliono vedermi in televisione". Lotterò sempre per giocare e aiutare la squadra. Se lui vuole può contare su di me. Giocare mi manca tanto, mi vengono i brividi a pensarci, a Torino avevo iniziato bene, stavano pensando anche di riscattarmi ma l'infortunio alla caviglia ha fatto saltare tutto." - il difensore poi continua anche ricordando il cavernoma del 2014 che ha rallentato la sua carriera: "Ciò che ho passato mi da tanta carica, quando ho scoperto di avere questo problema ho avuto tantissima paura, ho parlato con i medici e mi hanno detto che c'erano oltre a me altri 2 giocatori che hanno dovuto lottare contro un cavernoma. Non ho saltato nessun allenamento, ho superato tutti i test. ora mi manca solo il ritmo gara, che si acquisisce solo giocando. Si vede che questa è una società ambiziosa e che vuole credere.

"Il mister mi ha fatto un'ottima impressione, tutti mi hanno parlato bene di lui sia come giocatore che come allenatore". La classifica? Ho visto quattro o cinque gare dei rossoblù quest'anno, meritava di più.

IPhone X ha conquistato anche la Cina sfidando Xiaomi
In particolare, l'azienda ha deciso di analizzare i risultati ottenuti dall'ultimo top di gamma di Apple durante il mese di novembre 2017.

Castan è ormai un nuovo giocatore del Cagliari. Bisogna pensare partita dopo partita, cominciamo con il Milan e cerchiamo di allontanarci velocemente dalla zona bassa della classifica. Non so cosa succederà fra sei mesi, la vita cambia così rapidamente e la mia esperienza me lo insegna.

Share