C'è stato un falso allarme missilistico alle Hawaii

Share

Anche l'Agenzia per le emergenze hawaiana ha confermato che "non c'è alcuna minaccia missilistica per le Hawaii". "Cercate immediatamente rifugio, questa non è un'esercitazione", recitava ancora il messaggio che suonava, purtroppo, credibile dopo mesi di test di missili sempre più sofisticati da parte della Corea del Nord.

Sui telefonini dei residenti e dei turisti alle Hawaii è arrivato lo spaventoso messaggio automatico di allerta che avvisava "E' imminente l'arrivo di un missile balistico alle Hawaii". Restate lontano dalle finestre.

Subito dopo il rappresentante democratico Usa Tulsi Gabbard, via Twitter, ha definito "falso" l'allarme. "Ho avuto conferma - ha aggiunto - dai funzionari che non c'è alcun missile in arrivo".

Il latitante Ronga di Sant'Antimo arrestato a Formia dopo conflitto a fuoco
Nei confronti del 42enne erano state emesse due ordinanze di custodia cautelare e deve scontare venti anni di carcere. Fermate dai carabinieri anche le altre due persone che si trovavano con lui a Formia .

Nel testo si legge e si sente una voce ripetere: "Alle 8,07 A.M. del 13 gennaio 2018 lo Us Pacific Command (il comando militare Usa del Pacifico, ndr) ha rilevato la minaccia di un missile (diretto) alle Hawaii".

Alle Hawaii, dove gli Usa il comando delle forze armate del Pacifico, è scattato un allarme per il lancio di un missile balistico, rivelatosi poi falso. Secondo alcuni esperti un missile di Kim Jong-un potrebbe colpire le isole statunitensi entro 20 minuti dal decollo.

Share